Il Duca Caracciolo rivive a Pietramelara per il gran finale

PIETRAMELARA – Tutto pronto per il gran finale che coinvolgerà l’intera cittadina. Domenica 8 dicembre sarà doppia festa a Pietramelara. In programma, a partire dalle ore 16:30, tra il suggestivo borgo medievale e il Palazzo Ducale ci sarà una rievocazione della visita del Re e della storica battaglia di Roccaromana. Per l’occasione i giovani pietramelaresi indosseranno abiti storici preparati appositamente per questo evento. Una voce narrante racconterà gli eventi storici ai visitatori rendendo teatralizzate le vicende che hanno fatto la storia di Pietramelara.

A seguire un momento musicale che ben si sposa con gli eventi, un concerto denominato: “Salotto Musicale tra Restaurazione e Unità nel 150’ della nascita di Rossini”, cappella vocale e strumentale “I Musici di Corte”, con Lorenzo Pellegrino al pianoforte.

Nell’anno delle celebrazioni per il 150° anniversario della morte di Rossini (1792 – 1868), il concerto/narrazione propone una selezione di straordinarie composizioni vocali di Rossini, poco note ma bellissime e significative, per raccontare appieno l’evoluzione del suo stile immutato nel trattare con grande cura la voce umana. I brani raccontano, direttamente o indirettamente, i successi del tempo dell’eroica impresa napoletana nel melodramma (ben 18 opere e 5 cantate in 5 anni dal 1815 al 1822) e poi il lungo “silenzio” (operistico ma non musicale) di Paris (dal 1829 al ’35 e dal ’55 alla morte), tutto dedicato alla musica da camera, coprendo una buona parte dell’arco di vita del duca Caracciolo di Roccaromana. I brani musicali sono intervallati dal racconto di episodi (napoletani e parigini) della vita di Rossini (testi teatralizzati tratti da Stendhal, da D’Azeglio e dall’epistolario di Rossini).

Un momento di convivialità vedrà la narrazione e assaggi di prodotti locali a fine serata.

 


Adele Consola

Giornalista freelance

Ordine dei Giornalisti della Campania N. 144519

 Mail adeleconsola2@gmail.com

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *