Il grande direttore d’orchestra James Conlon a Calvello, anteprima di lusso per il Festival della Canzone Napoletana diretto da Gabriella Colecchia

JAMES CONLON E GABRIELLA COLECCHIA 
A CALVELLO (PZ) 
    GIOVEDI’ 25 LUGLIO DALLE ORE 17
James Conlon, uno dei più importanti direttori d’orchestra al mondo, ritirerà nel piccolo comune lucano la cittadinanza onoraria. Impreziosirà l’evento il mezzosoprano Gabriella Colecchia, che proprio a Calvello, dal 10 all’11 agosto, dirigerà la seconda edizione del Festival della Canzone Napoletana.
Domani 25 luglio h 17 si terrà nel Complesso Monumentate di Santa Maria de Plano la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al Maestro James Conlon, originario di Calvello, nonché uno dei più grandi direttori d’orchestra, direttore musicale dell’ Opera di Los Angeles, direttore generale dell’Opéra de Paris, attualmente direttore principale dell’ Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino. Dal suo debutto ha diretto 270 sul podio al Metropolitan di New York, alla Scala di Milano, alla Royal Opera House di Londra, al Teatro Real di Madrid, all’Opera di Roma, alla Lyric Opera di Chicago. Ad impreziosire l’evento Gabriella Colecchia – una delle più interessanti voci liriche italiane, vincitrice del prestigioso Luciano Pavarotti International Voice Competition di Philadelphia ed interprete di grandi opere in tutto il mondo esibendosi nei principali teatri tra cui il Teatro Real di Madrid, il Bunka Kaikan di Tokyo e il Teatro San Carlo di Napoli.  La Colecchia inoltre è direttore artistico del progetto per Matera 2019, Capitale Europea della Cultura “Calvello- Matera andata e ritorno” (8 e 9 agosto) nonché del Festival della Canzone Napoletana di Calvello alla sua seconda edizione (10 e 11 agosto). Ad accompagnarla al pianoforte il Maestro Pierfrancesco Borrelli in un excursus dedicato alla Canzone Napoletana dalla villanella ai compositori della grande Scuola Napoletana, formatisi al Regio Conservatorio di San Pietro a Majella.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *