Il Partito Democratico presenta i candidati alle amministrative del 5 giugno

Tresca: «Una proposta credibile che mette insieme esperienza e innovazione»

6

Domani (mercoledì 11 maggio) presso l’Hotel Royal (viale Vittorio Veneto, 13 Caserta) a partire dalle ore 19 il Partito Democratico presenterà i candidati della sua lista per le prossime amministrative del 5 giugno.

«È una proposta credibile perché mette insieme esperienza e innovazione, a partire dalla straordinaria presenza femminile e di giovani, e garantisce la partecipazione qualificata ed entusiasta di personalità provenienti dal mondo delle professioni, delle associazionistici e della cultura della città», spiega Enrico Tresca, segretario cittadino del Pd.

Sarà l’occasione per delineare la proposta programmatica per la città, con il candidato sindaco del centrosinistra Carlo Marino. Le priorità del PD riguardano la qualità  della vita, la crescita economica e la coesione sociale. In particolare la riqualificazione dei servizi sociali, la definizione di un patto per la Crescita con la Regione e l’agenzia per la coesione territoriale insieme agli attori del nostro territorio, la proposta di Caserta quale città turistica con la valorizzazione dei suoi beni culturali architettonici e paesaggistici, lo sviluppo delle infrastrutture materiali ed immateriali a servizio della  mobilità e dei servizi di pubblica utilità in città e la proposta di un modello di governance dell’intera conurbazione della cosiddetta città continua Capua-Maddaloni.

«Un programma ambizioso ma necessario per il rilancio della città – conclude Enrico Tresca – costruito sulle possibilità reali di finanziamento delle azioni previste e sulla riorganizzazione della macchina comunale. Caserta deve riprendere a camminare e il PD sarà parte determinante del cambiamento necessario».

Enrico Tresca

Ufficio Comunicazione 

cell. +39 3392550741

Facebook.com/EnricoTrescaCaserta

enricotresca.it

________________________________

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *