L’ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA CASERTANA RIEVOCA IL CENTENARIO DELLA DONAZIONE DA PARTE DEI CASERTANI DEL CACCIA Niuport XI ALLA PATRIA

 3

di Domenico PETRILLO

Ancora una volta l’Associazione Arma Aeronautica Sezione di Caserta ha fatto sentire la propria voce nel ricordo dei tantissimi casertani della provincia di Terra di Lavoro che nel 1916, in occasione del primo conflitto mondiale, per dar forza ai nostri eroici combattenti, si autotassarono donando alla Patria in guerra un velivolo da caccia Niuport XI.  Tale rievocazione,  pianificata e organizzata dall’Associazione d’Arma casertana presieduta dal Generale Elia Rubino e dal Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro  Avvocato Alberto Zaza d’Aulisio, è stata celebrata presso l’Istituto Tecnico Industriale  “F. Giordani“ di Caserta magistralmente diretto dalla  Dirigente Scolastica  Antonella SERPICO.   Non è stata una semplice cerimonia rievocativa  ma un vero e proprio evento a dir poco fuori del normale. Per tale occasione, infatti, al qualificato e illustre “parterre” presente nel magnifico Auditorium dell’Istituto,  è stato presentato, nella sua intera bellezza, una riproduzione in scala 1 a 4 del velivolo Niuport XI denominato BeBè.  Il prestigioso e unico esemplare riprodotto in maniera maniacale è stato realizzato dall’Aeromodellista Gigi Iadevaio del Fly Club Matteo Cristalli A.S.D., con il supporto dell’Associazione Sportiva Dilettantistica FANI asd di cui è Presidente nazionale il Colonnello Remo D’Andrea. Il Maestro Gigi Iadevaio che nel suo ambiente risulta essere uno dei migliori aeromodellisti a motore, per la realizzazione di questo aereo da caccia curato nei minimi dettagli,  ha impiegato ben due anni impegnandosi con vera passione per omaggiare la città di Caserta a memoria di quel periodo storico che vide impegnata l’Aviazione del Regio Esercito al massimo dei propri eroici sacrifici.  La cerimonia, svoltasi in uno splendido  contorno rappresentato dai maxi pannelli  della Mostra Vanvitelliana, ha raggiunto la massima commozione  prima al suono dell’Inno di Mameli cantato da tutti i presenti e  poi, dopo la benedizione effettuata dal Cappellano Militare della Garibaldi don Biagio Falco, al suono del silenzio eseguito dal primo trombettista della Brigata Garibaldi in onore dei caduti per la Patria.  Trainante e appassionato è stato il discorso tenuto dal  Gen. Elia Rubino, Presidente della Sezione A.A.A. di Caserta come pure molto interessante sotto il profilo storico, l’inciso effettuato dall’Avv. Alberto Zaza d’Aulisio, Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro.  Uno scrosciante applauso si è udito al momento dello svelamento dell’aeromodello da parte della madrina e padrona di casa Dott.ssa Antonella SERPICO che, molto aperta alle innovazioni tecnologiche e alle sfide del futuro, è sempre pronta con i suoi validi collaboratori a sviluppare nuove strategie che ben indirizzino i giovani studenti nelle scelte di vita futura. Considerata l’attenzione  prestata dai molteplici ospiti istituzionali presenti e  l’interesse palesato dagli alunni dalle classi  ” Trasporti,  Logistica e  Costruzione del Mezzo Aereo”, senza ombra di dubbio si può affermare che la suddetta cerimonia è perfettamente riuscita. Va evidenziato che tali rapporti di interscambio culturale e collaborazioni scientifiche  vanno implementate perché sviluppano quelle abilità indispensabili per una formazione qualificata dei futuri cittadini.  Da parte dei relatori, ringraziamenti particolari sono stati tributati al Col. D’Andrea, al Maestro Iadevaio, alla Prof.ssa De Iorio, all’Ing. Sparano e a tutto lo staff del Direttivo dell’Associazione Arma Aeronautica che ha reso possibile l’evento.

1

 4

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *