LE SCUOLE DI CASERTA A PALAZZO MONTECITORIO ACCOMPAGNATE DALL’ASSESSORE MADDALENA CORVINO

Nella giornata di lunedì 20 maggio, si è tenuto nell’Aula di Montecitorio, alle 15.30, lo spettacolo teatrale “Processo a Pinocchio”, un Progetto di UNICEF Italia ispirato alla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Prima dello spettacolo, introdotti da Geppi Cucciari, sono intervenuti il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, la Vicepresidente Mara Carfagna e il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo.

Chiamate a partecipare tutte le scuole della Campania. Ben quattro sono state le scuole di Caserta che hanno preso parte all’evento: il Liceo “A. Manzoni” della preside Adele Vairo, l’ITIS Liceo Scientifico “F. Giordani” della preside Antonella Serpico, la Scuola Media “Dante Alighieri” e l’I.C. “De Amicis-Da Vinci”. Alla volta di Palazzo Montecitorio anche una delegazione della Cidis Onlus Caserta, un’associazione che opera a livello nazionale ed europeo per promuovere una cultura dell’accoglienza e costruire integrazione.

Non ha voluto assolutamente far mancare la sua presenza l’Assessore alla Pubblica Istruzione, alle Pari Opportunità e alle Politiche Giovanili del Comune di Caserta, dr.ssa Maddalena Corvino, che ha preso parte all’iniziativa in maniera davvero entusiasta, dimostrando ancora una volta la sua particolare attenzione e il suo costante impegno per il mondo della scuola casertana e dei diritti dei bambini.

«E’ stata un’esperienza davvero meravigliosa – ha sottolineato Maddalena Corvino – Sono orgogliosa di aver partecipato all’iniziativa organizzata egregiamente dall’UNICEF Italia in occasione del trentesimo anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E’ importante che i giovani conoscano i loro diritti ed i loro doveri. I miei complimenti vanno soprattutto ad Emilia Narciso, scrittrice del libro Processo a Pinocchio e ai ragazzi che sono stati i protagonisti dell’intera giornata».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *