MOMENTO VERAMENTE TOCCANTE ALLO SCANDIRE DEI NOMI DEI FRATI SPIRITUALI DELL’ORDINE FRANCESCANO SECOLARE DI CAPUA E DELL’ESIBIZIONE DEL GIOVANE ADRIAN .

MOMENTO VERAMENTE TOCCANTE, ALLO SCANDIRE DEI NOMI ,DEI FRATI SPIRITUALI ,DELL’ORDINE FRANCESCANO SECOLARE, DI CAPUA , DELL’ESIBIZIONE  DEL GIOVANE  ADRIAN .

 

DI DINO MANZO

CAPUA 18/11/2018 L’ordine Francescano Secolare di Capua  è stato fondato nel luglio del 1943 ed ecco i nomi di tutti i frati che si sono avvicendati dal 1943 ad oggi in qualità di assistenti spirituali. Padre Bonaventura DAL 1944 AL 45.Padre Salvatore dal 1945 al 46.Padre Giocondo DAL 46 AL 47.Padre Rosario dal 48 al 50.Padre Cipriano dal 52 al 68,Padre Roberto Iannaccone  dal 69 al 78 .Padre Michelangelo dal 1982 al 1998.Padre Vittorio dal 98 al 2006. Padre Ciro dal 2006 al 2012.Padre Pietro dal 2006 al 2017 ,e finiamo la lista con l’attuale Padre spirituale il giovanissimo Padre Luigi che ha voluto essere presente ed intervenire durante la presentazione di tante testimonianze Restando seduto alla destra dell’arcivescovo di Capua S/E. Monsignor Salvatore Visco il quale prima di benedire le croce francescano ,ha aperti i cuori di tutti i presenti quando ha pronunciato di aver fatto un sogno con un altissima percentuali che si avverasse nel rivedere di nuovo i frati francescani all’ex convento dei cappuccini. All’inizio della cerimonia il conduttore ,nonchè ideatore di questa grande serata ,Erennio de Vita ha presentato tutti e poi man mano che scorrevano le immagini sullo schermo pronunciava  gli opportuni commenti .Un momento di forte commozione è stato ,l’esibizione del giovanissimo Adrian Carmiato che poi in chiusura si è esibito unitamente ad altri giovani che sono sempre presenti alle manifestazione di fede e di religiosità. Infatti nell’ultima settimana di dicembre nella stessa chiesa (Santi Filippo e Giacomo)si esibiranno in un concerto di musica e canzoni di tono Natalizio ma sempre del tema che ha contraddistinto tra tutti il Santo poverello  di assisi.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *