LUVO BARATTOLI ARZANO 3 CASAL DE’PAZZI 1

LUVO BARATTOLI ARZANO          3

CASAL DE’PAZZI                              1

(25-23; 18-25; 25-22; 25-22)

Luvo Barattoli Arzano: Passante 11, Voluttoso 10, Coppola 3, Astarita 19, Neriotti 13, Guida (L), Maggipinto, Campolo 16. Non entrate: Iorio, Piscopo, Topa, Mancini, Pichierri. All. Collavini

Casal De’Pazzi: Capini, Scola 5, Blasi, Mistretta (L), Armini 5, Ghezzi 18, Consoli 14, Tanase 15, Scognamillo, Poggi, Nwakalor 11. Non entrate: De Bellis, Graziani, Guiducci, Poggi. All. Kantor

Arbitri: Citro e Mancuso

Note. Durata set: 25’; 25’; 25’; 24’. Battute sbagliate Arzano: 13, Battute punto 7. Battute sbagliate Casal De’Pazzi 6, Battute punto Casal de’pazzi 4.

ARZANO – La Luvo Barattoli Arzano torna grande e supera con grinta e concentrazione la Volleyro Casal de’Pazzi. Tre punti d’oro per la squadra di Paolo Collavini che può compiere un interessante passo avanti in classifica in vista dello scontro diretto con il Manfredonia di sabato pomeriggio.

Serviva un’impresa per mettere sotto una delle squadre più belle del campionato  e la Luvo Barattoli l’ha compiuta dimostrando, ancora una volta, che avrebbe potuto recitare ben altro ruolo in questo campionato sfortunato che la vede in lotta per lasciare definitivamente le sabbie mobili di fondo classifica.

Le squadre si affrontano a viso aperto fin dalle prime battute. Una gara così avrebbe meritato ben altra cornice di pubblico e soprattutto un palcoscenico diverso dalla palestra nella quale il team di casa sta disputando la maggior parte di questo campionato.

Subito in evidenza Giusy Astarita che dimostra di avere le carte in regola per recitare il ruolo della protagonista. Dall’altra parte della rete si impegna al massimo Tanase che tiene Volleyro in scia fino al 16-12. A questo punto parte il tentativo di aggancio (21-19) prontamente respinto da Voluttoso e compagne che a fatica riescono a conquistare meritatamente il primo set (25-23).

Secondo set avanti all’insegna dell’equilibrio. Non basta la buona volontà di Campolo a tenere a bada le laziali che tentano l’allungo (12-16). La squadra di casa resiste finché può, fatale il giro a vuoto (16-21) che consente al sestetto di Sandor Kantor di allungare ed amministrare fino al pareggio (18-25).

Dal terzo set la Luvo Barattoli Arzano si rimbocca nuovamente le maniche. Tutte le atlete della rosa comprendono che se vogliono confermarsi “bestia nera” del Casal de’Pazzi devono tirare fuori grinta, cuore e lucidità. Camilla Neriotti fa il suo dovere a muro, Lorena Coppola in più occasioni sprona le compagne ad ingranare la marcia giusta, mentre Francesca Passante mette a terra le palle più pesanti, quelle di quota 25.

Menzione particolare anche per la rivale Martina Ghezzi che nel terzo set mostra di meritare lo scudetto tricolore cucito sulla maglietta sua e delle sue colleghe di squadra. A conferma ulteriore della solidità della rivale di turno dell’Arzano. Il team di casa si impone per 25-22.

Ci provano le ospiti a scappare avanti nel quarto set. La squadra del presidente Piscopo recupera e vince: 25-22. Una iniezione di fiducia che consente a Voluttoso e compagne di tenere alta la guardia ed affrontare con ritrovato entusiasmo le prossime gare.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *