Luvo Barattoli Arzano aspetta il Napoli Volley

Arriva il giorno del derby. La Luvo Barattoli Arzano è chiamata a dare il massimo domani sera alle ore 19.30 nella sfida contro i colleghi di provincia della Napoli Volley. Per la squadra di coach Caliendo è l’occasione per riscattare la prova opaca di Roma. La gara si preannuncia particolarmente interessante, anche perché la squadra di Luca Loparco non ha di certo fatto bella figura nella sfida contro le corregionali del Montella.
“Abbiamo tanta voglia di ritornare a fare bottino pieno -spiega l’allenatore dell’Arzano Nello Caliendo al termine dell’ultimo allenamento. Abbiamo l’occasione di giocare in casa una partita particolare come il derby e ci concentriamo soprattutto su noi. L’ago di questo campionato è il nostro rendimento ed abbiamo lavorato in settimana per dare una svolta alla nostra continuità”.
La gara in casa della Proger Roma così come la sconfitta della capolista Marsala in casa dell’Aprilia ha dimostrato che il livellamento dei valori consente qualsiasi tipo di risultato. Tenuta e continuità i valori per ottenere una svolta: “Abbiamo lavorato attentamente sugli errori commessi e su cosa fare per migliorare -spiega Caliendo- La nostra squadra è molto forte e per avere continuità deve cancellare gli errori banali che compromettono l’esito della partita. Del resto l’andamento del campionato ha dimostrato che anche per le altre squadre si procede con intermittenza. L’esito delle gare non è mai scontato ed anche nell’ultima partita ci siamo trovati a giocare contro una squadra che non ha demeritato in campo. Andiamo avanti e cerchiamo di trovare la chiave giusta per centrare i nostri obiettivi stagionali”.
Nelle fila del Napoli Volley non ci sarà Carmen Bellapianta che in settimana ha rescisso l’accordo con il team partenopeo mentre il resto del gruppo cercherà di mettersi in luce dopo la prova opaca di sette giorni fa. Previsto il pubblico delle grandi occasioni, arbitreranno l’incontro Bonafiglia e Di Meglio.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *