Luvo Barattoli Arzano, cerca punti sul campo dell’Europea ’92 Isernia

 Coach Caliendo: Ci presentiamo grintosi allo sprint finale del campionato

Dopo la parentesi pasquale, arricchita dall’amichevole di lusso con la nazionale Under 19, la Luvo Barattoli Arzano pensa alla fase decisiva del campionato di serie B1 femminile che parte domani (sabato 2 aprile) alle ore 18.30 dal palazzetto intitolato a Liborio Faraccio di Isernia.

La prima di sei finali da vincere per regalare ai numerosi sostenitori del team allenato da Nello Caliendo il sogno qualificazione ai playoff, compromesso fin’ora per il discutibile rendimento esterno maturato in un intero girone.

Uno sguardo alla classifica. Ormai imprendibile la Sigel Marsala, le siciliane dovrebbero trovare tre-quattro formazioni del calibro dell’Arzano per vedere insidiato il meritatissimo primato. Per la seconda piazza invece i giochi sono aperti visto che nel giro di tre punti ci sono ben 6 pretendenti per i due posti a disposizione. Facile immaginare una grande ammucchiata ed incertezza fino all’ultima giornata di campionato.

L’Europea 92 Isernia non è una squadra che può spaventare quella che le ha suonate di santa ragione al Marsala, ma la storia di questo strano campionato ha dimostrato che tutto può succedere come spiega coach Nello Caliendo: “Siamo arrivati alla fase calda del campionato –spiega il tecnico- adesso si deve spingere al massimo e con grande concentrazione. Non dobbiamo di certo scendere in campo avendo la presunzione di fare un solo boccone delle avversarie. Sono una squadra grintosa e valida tecnicamente. Hanno bisogno ancora di qualche punto per raggiungere la salvezza. Insomma una gara da giocare con grinta ed attenzione. Dobbiamo riprendere a giocare con lo stesso ritmo che avevamo prima della sosta. La gara con l’Italia ci ha dato motivazioni ed emozioni e ci ha fatto fare non solo un ottimo allenamento ma anche una buona gara. Il viatico ideale per cercare lo sprint in questo finale di stagione”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *