Luvo Barattoli Arzano in campo nel derby contro Due Principati Baronissi

La squadra di Collavini vuole cominciare bene il girone di ritorno

Luvo Barattoli Arzano Volley opposta al Due Principati Baronissi nella prima gara del girone di ritorno. La formazione allenata da Paolo Collavini arriva con grande energia a questa prima gara del girone di ritorno. La vittoria sul Castelvetrano e l’abbandono del penultimo posto della classifica ha scosso l’ambiente e capita al momento giusto questo secondo appuntamento consecutivo davanti ai propri sostenitori per continuare a cercare l’inseguimento della parte tranquilla della classifica.

Anche perché la squadra più vicina, la Volley Group Roma, avanti di cinque lunghezze  (13 punti contro gli otto arzanesi), domenica pomeriggio alle ore 16,30 ospita la Mam Villa Zuccaro, autentico rullo compressore di questo campionato. Per seguire questa sfida con la massima apprensione però, c’è il difficile ostacolo derby da superare.

 La società salernitana sta cercando di tenere alto il morale della sua truppa ed è decisa a scendere in campo ad Arzano consapevole di poter dare il tutto per tutto per centrare l’obiettivo di tornare a casa con punti i più in classifica. Per farlo tecnici e dirigenti hanno chiesto una prestazione maiuscola di grande spessore e concentrazione.

La Luvo Barattoli Arzano ha preparato con attenzione e meticolosità le mosse giuste per fermare le atlete allenate da Veglia. Sicuramente ne verrà fuori una gara dall’alta intensità agonistica. Facile prevedere anche il tutto esaurito in palestra. Arzano e Baronissi sono i palazzetti con il maggior numero di spettatori in ogni gara ed è facile prevedere un nutrito gruppo di appassionati al seguito delle ospiti. All’andata finì 3-0 in favore della squadra di Paolo Collavini che al PalaIrno conquistò una delle tre vittorie del percorso. Domani sera è chiamata a tentare il bis.

Fischio d’inizio alle ore 19,30 arbitri dell’incontro: Giorgia Adamo e Serena Salvati

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *