Luvo Barattoli Arzano, Open Day con i ragazzi dell’Istituto Don Geremia Piscopo

La dirigente Ferrara: Credo nel matrimonio fra le società sportive e la scuola

Open Day particolare ad Arzano. Le ragazze della Luvo Barattoli incontrano gli studenti dell’Istituto Professionale “Don Geremia Piscopo” per una mattinata all’insegna dello sport ed in particolare della promozione della pallavolo. La scuola, antico serbatoio di atlete, torna così ad avere lo stesso tipo di funzione. Un discorso che parte dal sociale: vita in palestra deterrente per evitare i pericoli della strada e sfocia nel divertimento e nella passione.
Quest’ultimo termine è anche ricorrente nei discorsi della dirigente scolastica la dottoressa Carmela Ferrara: “Ho sempre creduto nel matrimonio fra le società sportive e la scuola. Per questo negli Istituti dove sono stata impegnata nel corso della mia attività professionale ho sempre favorito questo tipo di iniziative. Non potevo non accogliere con favore il progetto dell’Arzano Volley. I giovani, in particolare le ragazze non possono che trarre giovamento dal contatto con una realtà importante del territorio come la società di Antonio e Raffaele Piscopo”.
E chissà che proprio fra le classi di questo istituto non si nasconda qualche campionessa del futuro.
“Abbiamo un’offerta formativa davvero ampia –spiega la dirigente- che spazia dal campo tecnico a quello di abbigliamento e moda. Ed ancora gestione aziendale, sociale, turistico e grafico pubblicitario. A questo uniamo la possibilità di utilizzare il tempo libero per avvicinarsi allo sport della pallavolo fiore all’occhiello della città di Arzano”.
La dirigente Carmela Ferrara è pronta per la foto di rito con le ragazze della prima squadra della Luvo Barattoli, in corsa per un posto in serie A2, che si allenano nei giorni dedicati all’Open Day scolastico sotto lo sguardo attento degli studenti.
La professoressa ne approfitta per palleggiare un po’ con la capitana arzanese Dora Sollo.
Entusiasta della visita del volley anche la professoressa Nicoletta Esposito che con orgoglio racconta: “Nelle scuole di Arzano la pallavolo è cominciata stendendo un filo fra due pali rimediati nel cortile esterno di un istituto. Sono stata la pioniera di questo sport fra gli studenti ed i risultati poi raggiunti dalle società che hanno fatto attività sul territorio mi hanno riempito d’orgoglio. Mi sento un po’ l’artefice della partenza di quel movimento che nell’ormai lontano 1983 portò alla nascita dell’Olimpia ’83, tutto cominciò così”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *