Luvo Barattoli Arzano per la donazione degli organi

La società di Piscopo al fianco dell'Associazione "Donare è vita"

La Luvo Barattoli Arzano al fianco dell’associazione “Donare è vita”. La società di volley arzanese sposa i temi e le speranze di quanti si prodigano per fare radicare sempre di più la cultura della donazione degli organi.

“Nella prossima stagione -racconta la dottoressa Serena Orlando, che ha messo in contatto associazione e società- la squadra dell’Arzano Volley giocherà portando sulle magliette da gioco e da riscaldamento il logo che ricorda quanto sia importante questo tipo di cultura per salvare tante vite umane, in particolare quella dei bambini. L’idea-spiega- mi è venuta lo scorso 29 maggio in occasione della giornata dedicata alla donazione degli organi. E’ stato coinvolto lo sport con una partita di calcio ed allora mi è venuto in mente di fare lo stesso con il volley. Proprio per questo ho contattato Antonio Piscopo che ha accolto l’iniziativa con entusiasmo”.

L’Associazione “Donare è vita” è stata fondata da genitori che hanno avuto bambini trapiantati oppure che sono in attesa di riceverlo. Prevalentemente si tratta di trapianto di cuore ma anche gli altri organi sono spesso chiamati in causa. “Sono un medico specializzando al Monaldi -spiega Serena Orlando- e li ho conosciuto il cardiochirurgo che si occupa dei trapianti all’ospedale Monaldi, è stato lui a mettermi in contatto con questa associazione. Daremo a tutti la possibilità di conoscere meglio il tema del trapianto di organi con uno striscione informativo al palazzetto di Arzano e ne parleremo anche nel corso della presentazione della squadra prima dell’inizio del prossimo campionato di serie B1 femminile”.

Il problema dei trapianti e della donazione degli organi non riguarda solo chi ha un caro coinvolto nel vortice dell’attesa, sensibilizzare anche attraverso lo sport diventa indispensabile. L’Arzano Volley è pronta a fare la sua parte. Ora tocca anche agli sportivi.

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *