Maltempo Campania: allagamenti e disagi nel Casertano. Allerta meteo in tutta Italia

Le aree maggiormente colpite: l'Agroaversano, il litorale domizio con la città di Castel Volturno e la zona di Cancello ed Arnone

 Allagamenti e disagi in tutto il Casertano per piogge torrenziali e forte vento; oltre 100 le chiamate giunte alla sala operativa dei Vigili del Fuoco. L’area maggiormente colpita e’ stata l’Agroaversano, in particolare i comuni di Carinaro e Teverola, dove il sistema fognario non ha retto e numerose strade sono rimaste sommerse dall’acqua, con decine di automobili in panne. Allagato anche il tunnel della ferrovia che collega Carinaro con Gricignano d’Aversa. Strade trasformate in fiumi anche a Maddaloni e Macerata Campania. A Santa Maria Capua Vetere il vento ha quasi completamente scoperchiato il tetto della caserma Pica con parti di lamiera che hanno colpito alcune abitazioni vicine, mentre i pompieri hanno dovuto effettuare interventi per rimuovere le impalcature dei cantieri crollate sulla strada, come e’ avvenuto a Caserta. Nel capoluogo sono stati inoltre numerosi gli interventi per alberi caduti o pericolanti mentre hanno retto alcuni importanti tunnel come quello di viale Ellittico nei pressi della Reggia. Disagi anche sul litorale Domizio dove numerosi alberi sono caduti colpendo anche, in qualche caso, auto in transito.

In particolare a Castel Volturno una tromba d’aria ha provocato la caduta di qualche albero di pino, un muro di recinzione crollato e resti di rami di pino sbattuti dal vento sulla carreggiata. Questo lo scenario che si è presentato ai vigili urbani di Castel Volturno, dopo il passaggio della tromba d’aria nella località di Baia Verde, a pochi passi dalla piazzetta dedicata a Domenico Noviello. Fortunatamente il fenomeno atmosferico non ha arrecato danni a persone e non risultano esserci feriti. Fatto sta che il maltempo ha letteralmente flagellato la riviera Domiziana.

Disagi anche nella zona di Cancello ed Arnone, con alberi spezzati, tegole volate e tende da sole annientate. Fortunatamente anche qui non ci sono stati danni alle persone, ma solo un grande spavento.

Intanto si prevede un’ allerta Meteo, perché arrivano i fenomeni estremi: forte maltempo e, dunque, è opportuno un focus previsionale con tutti i dettagli per i prossimi giorni. Bisogna fare molta attenzione a possibili eventi di maltempo estremo!
Ultimi giorni di caldo, quindi,  il terribile anticiclone che ormai da oltre tre settimane mantiene l’Italia in un’asfissiante fornace caldissima inizia a perdere colpi. Oggi pomeriggio nelle zone interne di alcune Regioni (Sardegna, area alpina e Appennino centrale) i primi temporali dovuti all’instabilità pomeridiana. Nei prossimi giorni questo maltempo si intensificherà.  I fenomeni più estremi si  sono verificati giovedì 23, in modo particolare al centro/sud in Campania e Sicilia nord/orientale. Ma anche venerdì e sabato insisterà il maltempo.
Poi tra domenica 26 e lunedì 27 le temperature diminuiranno di oltre 10°C in tutt’Italia portandosi così sotto le medie del periodo; non mancherà il maltempo con forti fenomeni perturbati in modo particolare al centro/nord. La pianura Padana sarà interessata da eventi vorticosi, il rischio è che si ripetano distruttivi tornado come quello che l’8 luglio ha devastato la riviera del Brenta. Ancora una volta le zone più a rischio sono quelle del nord/est, e il Veneto in modo particolare. Massima attenzione: viviamo in un clima sempre più “movimentato” con sbalzi pazzeschi da un estremo all’altro, alla faccia di quel sano equilibrio delle estati mediterranee ormai perdute nella realtà di altri tempi.

Matilde Maisto

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *