Massimo Santoro nominato esperto dal Miur per il Conservatorio di Benevento

 Il prof. Massimo Santoro, da anni impegnato nei vari ambienti della Cultura, dalla letteratura al teatro e alla musica, è stato nominato come esperto dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel Consiglio di Amministrazione del Conservatorio di Benevento. Il conferimento di tale incarico da parte del Miur, nelle Istituzioni dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica, come recita l’art.  7, comma 2, lettera e) del decreto del Presidente della Repubblica, 28 febbraio 2003, n. 132, ricade «tra personalità del mondo dell’arte e della cultura, del sistema produttivo e sociale del territorio di riferimento, delle professioni e degli enti pubblici e privati».

Al Consiglio di Amministrazione per il Conservatorio di musica «Nicola Sala» di Benevento è affidato il significativo compito di stabilire, in attuazione delle linee di intervento e sviluppo della didattica, della ricerca e della produzione definite dal Consiglio Accademico, gli obiettivi ed i programmi della gestione amministrativa e di promuovere le iniziative volte a potenziare le dotazione finanziarie dell’Istituzione.

Il nuovo Cda del Conservatorio di Alta Formazione Musicale Sannita risulta così composto: Caterina Meglio, Presidente del Conservatorio e Presidente del Cda; Giuseppe Ilario, Direttore del Conservatorio; Massimo Santoro, esperto nominato dal Miur; Rossella Vendemia, docente presso il Conservatorio, designato dal Consiglio Accademico; Ernesto Tortorella, studente designato dalla Consulta degli Studenti.

«Un sentito ringraziamento va al Ministro Marco Bussetti per la nomina del prof Massimo Santoro quale membro esperto per il qualificato profilo professionale – ha dichiarato il Presidente Meglio -. Santoro costituirà senza ombra di dubbio un valore aggiunto nello svolgimento dei lavori del Consiglio di Amministrazione del nostro Conservatorio».

 

Conservatorio

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *