Musica: l’oasi del sol location di un videoclip

I Cubarap hanno scelto come ‘sfondo’ la struttura di via S. Giacomo di Alvignano

Il trio napoletano sarà di nuovo in piscina domenica 19 con gags e intrattenimento

ALVIGNANO – L’Oasi del Sol set di un videoclip musicale. Giovedì 16 luglio le piscine e l’agriturismo La Sagliutella di Alvignano hanno fatto da sfondo al nuovo brano dei Cubarap, trio napoletano composto dagli esilaranti e poliedrici Maurizio Siano, Jerry Sica e Raffaele Carotenuto. La struttura di via san Giacomo è stata infatti selezionata dagli artisti per le caratteristiche che la contraddistinguono: natura, parco acquatico e verde incontaminato, un posto ideale per un brano che racconta la nostra terra, la Campania, un territorio lontano dal marchio Terra dei Fuochi e dalle logiche del malaffare, un brano carico di speranze e di ottimismo per il Sud. Gli attori partenopei sono gli stessi che hanno fatto parte del cast dei film Effetti In-desiderati (in uscita al cinema in autunno, una produzione targata Easycinema e la regia di Claudio Insegno girato la scorsa estate proprio ad Alvignano e dintorni) e All Nigh Long. “Siamo legati a questo territorio e ci torniamo volentieri – sostengono ‘in coro’ i tre attori – Non a caso abbiamo scelto l’Oasi del Sol per il nostro video musicale. Ci sentiamo a casa e circondati da persone calorose e accoglienti e poi il panorama naturale e bucolico esprime il senso della nostra canzone”. I Cubarap saranno di nuovo ad Alvignano domenica pomeriggio (19 luglio) con gags, musica e divertimento, un intrattenimento in riva alle piscine per i clienti che sceglieranno di trascorrere un pomeriggio in allegria e spensieratezza, clienti che avranno tra l’altro, tra un tuffo e una chiacchiera, anche la possibilità di degustare il Primo Santagata, un vino imbottigliato quest’anno, ricercato e selezionato, che accresce la variegata gamma di prodotti tipici locali di produzione dell’Agriturismo La Sagliutella.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *