Napoli – Il Presidente della regione chiede FF.OO. sui mezzi EAV – Le FF.OO. chiedono libera percorrenza

In seguito ai diversi assalti ai treni della circumvesuviana che ha portato al ferimento di un giovane, il Presidente della Regione Campania ha asserito che è sua primaria intenzione impiegare le FF.OO. a bordo dei treni EAV per garantire sicurezza al cittadino –

“Signor Presidente – gli fa eco Giulio Catuogno, Segretario Generale Provinciale del sindacato indipendente Co.I.S.P. – è da qualche tempo che cerchiamo in Lei un giusto interlocutore per giungere ad un intermediazione funzionale alla Sua necessità, a quella dei cittadini e a quella dei poliziotti campani che, quotidianamente, per lavoro, sono costretti a muoversi nell’ambito regionale con mezzi pubblici e/o privati”-
“Sarebbe auspicabile, Signor Presidente – continua Catuogno – che la tutela della cittadinanza avvenisse a costo zero con un interscambio di servizi laddove le FF.OO. potessero avere la possibilità di viaggiare a costo zero e restare, in quel contesto, al servizio della cittadinanza senza gravare ulteriormente sulle casse di alcun ente” –
“Signor Presidente – prosegue Catuogno – questa problematica potrebbe essere risolta con piccoli brevi incontri fra i rappresentanti delle istituzioni che mirano tutte alla tutela della sicurezza cittadina e al preservare il patrimonio pubblico e privato che deve restare saldamente al servizio dei cittadini tutti”. –
“Ed appare abbastanza normale che – conclude Catuogno – il tutto, nel pieno rispetto delle norme, possa avere il giusto tornaconto per la società, per i dipendenti e per gli operatori di polizia che sarebbero giustamente invogliati alla percorrenza dei tragitti da e per il lavoro con mezzi pubblici”. –
Della stessa idea risulta essere Giuseppe Raimondi, Segretario Generale Regionale del Co.I.S.P. campano che invita il Presidente della Regione Campania a valutare la proposta per addivenire ad una equa mediazione nell’interesse di tutti –

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *