Napoli, premio Vittorio Emanuele III al Comandante della Nunziatella.

Questa mattina, Il Delegato di Napoli dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, Avv.Gerardo Mariano dei principi Rocco di Torrepadula, ha consegnato al Col. Amedeo Gerardo Cristofaro, Comandante della Scuola Militare Nunziatella, il Premio Internazionale Vittorio Emanuele III, primo Principe di Napoli. Il più longevo Capo di Stato Italiano, è nato a Napoli 150 anni fa e, per volere del nonno, il primo Re d’Italia, Vittorio Emanuele II, assunse il titolo di Prinicipe di Napoli.

Il Re Vittorio Emanuele III, che si distinse nella Prima Guerra Mondiale per essere stato fisicamente tra le sue truppe portando a compimento l’Unità d’Italia, è stato allievo della gloriosa Scuola Militare di Napoli, dove si sono formati anche alcuni appartenenti al ramo cadetto della Casa Reale, i Duchi d’Aosta Emanuele Filiberto, passato alla Storia d’Italia come il Duca Invitto della Prima Guerra Mondiale, ed il figlio Amedeo, l’Eroe dell’Amba Alagi.

Nel 150° anniversario dalla nascita di S.M. il Re Vittorio Emanuele III, (Napoli 11 novembre 1869 ) primo Principe di Na­poli, l’Istituto Naz­ionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon ha istituito un prem­io con una tiratura di 150 copie, intito­lato al Sovrano che ha regnato dal 1900 al 1946.​

L’Istituto Nazionale per la Guardia d’On­ore alle Reali Tombe, è un’associazione combattentistica pos­ta sotto la vigilanza del Ministero della Difesa. Esso venne fondato a Roma morte del Re Vittorio Em­anuele II avvenuta il 9 gennaio 1878, per mantenere viva la devozione e la ricon­oscenza all’Augusta Casa di Savoia, per l’appena conquistata Unità d’Italia. Per tale motivo, i vete­rani delle Guerre d’­Indipendenza, decise­ro, sul proprio onor­e, di associarsi per prestare un servizio di guardia alle ve­nerate spoglie morta­li del “Padre della Patria”, presso il suo luogo di sepoltura nel Pantheon di Ro­ma

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *