Napule è: Il racconto di Fabrizio Jelmini e le sue foto

Napule è. Scatti d’autore in bianco e nero.

Amicizia vuole dire molte cose, mettersi a disposizione e dedicare del tempo personale per il piacere di farlo è amicizia vera. Parlo di amicizia perché quello che sto scrivendo qui sotto è l’incontro tra due persone che non si vedevano da molto tempo. Dopo quindici anni senza vedersi mi incontro con Carmen nella sua città natale, Napoli. Io non conosco questa città, ne ho sentito molto parlare. Da sempre affascinato dai racconti più variegati, mi è nata la voglia di visitarla, a piedi naturalmente, e come sempre con la mia macchina fotografica. L’occasione arriva con una trasferta di lavoro in quella zona. Con Carmen, inizio uno scambio di messaggi: ” …guarda che allora vengo a fare un giro, devo lavorare li la settimana prossima. Parto un giorno prima cosi mi dedichi del tempo se vuoi, ci giriamo la citta e faccio qualche foto”. L’arrivo a Napoli è in tarda mattinata, lascio i bagagli in hotel, mi preparo e scendo di corsa nella hall. Carmen mi raggiunge in motorino,sorride come sempre, si diverte nel vedermi con gli occhi pieni di aspettative. “Mettiti il casco và, altrimenti ci danno la multa” mi dice dopo avermi abbracciato “Che pensavi, che qui si gira solo senza casco?”. Con lo scooterino iniziamo a muoverci in mezzo al traffico, ci si ferma in una piccola piazzetta “Da qui andiamo a piedi, hai mangiato Fabri?” Mi tolgo la macchina fotografica dal collo ”No Carmen, non ho ancora mangiato” sono le 15,00, iniziamo a camminare per i vicoli, ”Siamo nei quartieri…” dice lei, un zona davvero affascinante penso io, ne ho sempre e solo sentito parlare e sono solo all’inizio.

 

©201424Set_5066

 

Ci fermiamo a mangiare “da Ciro” e in un nanosecondo ”Ueh Carmen, ma che ci fai qui?” Scopro che Carmen ci viveva qui, a cento metri da quel posto incredibile, i tavolini per strada la gente che si diverte, mangia , chiacchiera. Insomma per farla breve dovendo mangiare veloce per non perdere troppo tempo, mi arriva un piatto di pasta patate e provola da far svenire per la bontà e delle polpettine di ricotta fritta che mi trasportano in una dimensione surreale, si apre un mondo vivo di sapori veri. Ripartiamo dopo alcune foto di rito, mentre i suoni, i profumi e anche gli odori iniziano a trasportarmi in una dimensione di leggerezza totale, per tutto il giorno non ho che da riempirmi gli occhi e il cuore. Non riesco a smettere di fare fotografie, chiedo alla gente di essere fotografata, non voglio “rubare” immagini, cerco la condivisione, il contatto per le immagini che sto facendo. Alle mie richieste di fare foto spesso le persone rispondono semplicemente con un cenno del capo o con”Eccome no…” sempre accompagnato da un sorriso. Ed ecco alcune delle fotografie realizzate nella mia camminata tra i “quartieri Spagnoli e spacca Napoli”. Grazie Carmen per la tua amicizia. Amicizia vuole dire molte cose, mettersi a disposizione e dedicare del tempo personale per il piacere di farlo, con quella semplicità e leggerezza come solo i napoletani sanno fare.


Subjet: Napoli – Quartieri Spagnoli

Photo: fabriziojelmini©2014

Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Un tavolo, due sedie e un mazzo di carte. Basta poco per essere felici.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Non serve avere un grande negozio, la vita nei Quartieri Spagnoli è sulla strada.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Un cartello che non è pubblicitario, ma un’esortazione, quasi un promemoria di un modo di pensare.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Vuoi favorire?
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Qui si trovano mestieri antichi come in nessun’altra parte del mondo. Basta una scatola di legno ben organizzata e l’esercizio commerciale è aperto.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Non si va in pensione nei Quartieri Spagnoli…
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Come commemorare gli eroi se non con delle bandiere?
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Il pesce freschissimo è uno degli alimenti più diffuso della vecchia napoli.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Nonostante gli spazi esigui i bambini qui giocano ancora per strada.

Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®

Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Tutto è pubblico nei Quartieri Spagnoli, panni, emozioni, tragedie e anche un attimo di relax.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
In molte botteghe napoletane si nota il grande orgoglio dei proprietari, uno stile frutto della consapevolezza di saper fare bene il proprio lavoro

Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®

©201424Set_5165
Napoli è una città stratificata e la targa di questa via sembra confermarlo
©201424Set_5179
Un alveare di esistenze dove sicuramente la TV non manca
©donne
Incontro di donne, incontro di stili
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Odori, sapori, spezie e in mezzo Totò
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Non è uno scatto rubato, la donna è consapevole e per nulla infastidita della situazione.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Una delle botteghe storiche di San Gregorio Armeno, la zona degli artisti dei Presepi.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Vita on the road.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
La tammorra è uno strumento musicale a percussione. È un grosso tamburo a cornice con la membrana di pelle seccata di un animale (quasi sempre capra o pecora) tesa su telaio circolare di legno, in genere quello dei setacci per la farina, al quale sono fissati, a coppie, dischetti di latta detti cicere oppure cimbale ricavati dai barattoli usati per la conservazione dei pomodori. Il suo diametro è in genere compreso tra i 35 e i 65 centimetri. Qui li fabbricano.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®
Anche senza un giardino, un bel nanetto portafortuna non può mancare.
Napule è. Foto Fabrizio Ielmini®

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *