Operazione congiunta Carabinieri Forestale Ottaviano e LIPU – Ennesima denuncia per utilizzo di munizione immesse nel Parco Nazionale del Vesuvio.

Lega Italiana Protezione Uccelli

Nucleo Provinciale Guardie Zoofile e Venatorie LIPU

 

 05/01/2020

Ottaviano (NA), dopo alcune segnalazioni anonime pervenute al Comando Carabinieri Forestale Parco di Ottaviano per attività di bracconaggio alla posta della beccaccia nel Parco Nazionale del Vesuvio, il personale unitamente alle Guardie Venatorie e Zoofile della LIPU hanno deciso di operare portandosi presso località Cacciata San Severino. Arrivati sul posto dalla strada si notava subito la presenza di un individuo occultato tra gli alberi che alla vista degli operatori si dileguava velocemente con sbalzi rocamboleschi attraverso la fitta vegetazione facendo perdere le proprie tracce. Allorquando avvicinatosi ad un appezzamento di terreno veniva controllato l’individuo di cui sopra al quale venivano sequestrati 40 cartucce a piombo spezzato ubicate e nascoste nelle immediate vicinanze del rudere di sua proprietà sicuramente utilizzate dai bracconieri per abbattere volatili nel Parco Nazionale del Vesuvio. Le munizioni venivano sequestrate ai sensi 394/1991 per introduzione non autorizzata di esplosivi in area protetta

A tal punto constatato il reato in atto il soggetto veniva deferito a piede libero presso la Procura di Nola in detentore di tali munizioni.

Da sempre la LIPU è attiva contro il bracconaggio e ricorda che chiunque sapesse di illeciti di questo genere di farlo presente in modo che si possa diminuire o del tutto eliminare il fenomeno del bracconaggio della fauna selvatica soprattutto in aree protette.

Le Guardie della LIPU ringraziano il Comando Carabinieri Forestale PARCO di Ottaviano per la fattiva ed esemplare collaborazione, nonché un ringraziamento particolare và al Comandante del Raggruppamento Carabinieri Parco Vesuvio Col. LAMBERTI Antonio che mette sempre a disposizione i suoi uomini per contrastare quotidianamente tutte le attività illecite che persistono nel proprio territorio

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *