PD. Franco Mirabelli Commissario PD Provinciale. A Caserta si respira aria di antimafia

 

by GIOVANNA PAOLINO
Franco Mirabelli , Milanese, 56 anni , Senatore Democratico di Area Dem, Capogruppo del Partito in Commissione Antimafia. Questo il nome del Commissario che il Pd Nazionale ha scelto per guidare il Pd provinciale di Caserta dopo le dimissioni del Segretario Raffaele Vitale e dopo il ritiro dalle consultazioni delle primarie dei candidati Enrico Tresca , Enzo Battarra e Andrea Boccagna.
L’investitura ufficiale si dovrebbe avere nella giornata di oggi con il preciso intento da parte dei vertici romani di porre fine al caos interno al partito casertano.
E mentre il Segretario Regionale Assunta Tartaglione invita gli iscritti casertani ad operare con il nuovo commissario ” per uscire dalla palude in cui versa il Pd casertano”, ritornano alla mente le parole dei tre candidati Tresca, Battarra e Boccagna, che,nel documento presentato a sostegno del loro ritiro dalle primarie, hanno fatto riferimento al commissariamento della Asl e dell’Azienda Ospedaliera di Caserta per infiltrazioni mafiose, alle inchieste giudiziarie relative alla attivita’ amministrativa del Comune di Caserta anch’esso commissariato.
Dal canto suo , l’intervento della Senatrice Rosaria Capacchione , durante la conferenza stampa di ieri, ha lasciato quasi intendere che le prossime elezioni amministrative a Caserta, forse, potrebbero non svolgersi.
E, alla luce dei fatti che si sono verificati nel giro delle ultime 48 ore – ritiro dei tre candidati dalle primarie e ufficializzazione del Commissario Provinciale- siamo quasi autorizzati a ritenere che , a differenza di cio’ che qualcuno ha potuto pensare, Enrico Tresca, Enzo Battarra e Andrea Boccagna sono stati sostenuti nella loro iniziativa dall’intero partito. Franco Mirabelli e’ stato individuato nell’Assemblea Nazionale del partito che si e’ tenuta domenica 21 febbraio con la direzione di Lorenzo Guerini, il quale propose due soluzioni : affidare il partito a Pina Picierno, Eurodeputato Pd, oppure nominare il Commissario del partito.
E mentre a Caserta va gestita la vicenda Carlo Marino ad Aversa , quasi in parallelo, scoppia il caso dei tesseramenti ad esponenti del centro- destra.
Nel pomeriggio di oggi, intanto, i 4 candidati alle primarie a Caserta -Tresca, Battarra, Marino e Boccagna – sono convocati a Napoli ad un tavolo con il Segretario Regionale Assunta Tartaglione , insieme con il Segretario Cittadino Cira Napoletano e con il Presidente della Commissione Elettorale Primarie Franco De Michele.
Si tratta, dunque, di stabilire se le primarie a Caserta si terranno o meno atteso anche che Tresca , Battarra e Boccagna hanno dichiarato di ” sospendere la loro disponibilita’ alle primarie” e Carlo Marino, dal canto suo, ha affermato che e’ pronto ” a rimettersi alla volonta’ del partito con l’obiettivo di andare avanti “.
Staremo a vedere . Ma intanto le parole della Senatrice Capacchione risuonano ancora, nella nostra mente e nelle nostre coscienze.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *