Per gli amanti della lettura… “Storia di un amore straordinario” – Vallgren Carl-Johan

Zoom della copertina:

Titolo Storia di un amore straordinario
Autore Vallgren Carl-Johan
Dati 2006, 389 p., brossura
Traduttore Giorgetti Cima C.
Editore TEA (collana Teadue)

In sintesi
Königsberg, 1813. In una gelida notte di bufera due bambini vengono al mondo in un bordello: Henrietta e Hercule. La piccola è bella e sana, mentre il maschio, che sopravvive a dispetto di ogni previsione, è gravemente menomato nel fisico ma possiede un dono speciale: una sensibilità fuori dal comune che gli permetterà di leggere i pensieri altrui. Tra i due nasce ben presto un legame strettissimo. Ma il destino li divide: per Henrietta la strada del matrimonio con un altro uomo è obbligata, mentre Hercule sarà condannato a subire l’ignoranza e la superstizione della gente e la persecuzione della Chiesa che vede nella sua deformità il segno del diavolo. Tutto sopporterà Hercule, sorretto solo dalle sue risorse interiori e dal desiderio irresistibile di ricongiungersi con la sua Henrietta, oggetto di un amore che vince ogni cosa, un amore straordinario capace di superare le barriere della morte e del tempo.

ALCUNI COMMENTI:

Un libro godibile, di atmosfera gotica e nordica, in cui realtà e straordinario si fondono per regalarci una storia incredibile e personaggi quasi fiabeschi.

 

Che bello questo libro! Davvero bello! Mi è piaciuto tantissimo e mi ha coinvolto totalmente! Lo consiglio vivamente!!

 

Ma che bella storia…così diversa dai soliti canoni, dai soliti stereotipi. A tratti surreale, a tratti tristemente vera. Forse la parte finale risulta forzatamente cruda e un po’ troppo cruenta.

 

Gran bel libro, che lascia con il fiato sospeso fino alla fine; ricchissimo di colpi di scena, di stravolgimenti che rendono tutt’altro che prevedibile il susseguirsi delgi eventi. Soprattutto, si deve evitare difarsi ingannare dal titolo: coerente con la storia, ma sotto punti di vista diversi da quelli dati per scontati.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *