Piedimonte Matese – Politiche sociali del territorio d’Ambito

“Le Politiche Sociali del territorio d’Ambito: Analisi dei bisogni e soluzioni programmabili” è il convegno tenutosi lo scorso 9 marzo 2019 presso il Seminario della Diocesi Alife-Caiazzo e organizzato dall’Ass. Fraternitas Onlus e dall’Ass. Papa Francesco.

Un incontro che ha avuto come obiettivo centrale quello di sottoporre all’attenzione dei presenti i vari bisogni del territorio, di come fare a soddisfare queste istanze e allo stesso tempo è stato possibile raccogliere varie proposte sulla scorta anche di altre esperienze, grazie alla partecipazione di vari professionisti.

Hanno partecipato all’incontro il Sindaco di Caiazzo, Dott. Stefano Giaquinto, la Consigliera del comune di Ailano, Jessica Conetta, la Consigliera di minoranza del comune di Piedimonte Matese, Monica Ottaviani, i rappresentanti dell’Ass. “Volontari di G. Gaglione”, di Cittadinanza Attiva e le classi della scuola media “G. Vitale” e del Liceo “G. Galilei”. Studenti ai quali va il plauso per l’attenzione e il rispetto mostrato alla tematica affrontata durati tutto l’arco del convegno.

Fare rete, confrontarsi, potenziare la comunicazione, creare ponti tra l’associazionismo, le istituzioni e i singoli cittadini in modo da poter arricchire la Carta dei Servizi per ogni comune.
Queste sono stati alcuni dei punti principali affrontati nei vari interventi e dal dibattito che ne è scaturito. Tra

Di certo il convegno non aveva la pretesa di poter risolvere tutti i problemi e sicuramente, data la diversità delle varie comunità facenti capo all’Ambito territoriale C04, non è semplice trovare soluzioni univoche e valevoli per tutti. Quello che però può essere di aiuto, grazie a questo tipo di incontri, è la possibilità di poter aprire la propria mente verso altre esperienze, traendo insegnamenti dagli errori compiuti altrove e prendendo ad esempio le buone pratiche per poter arricchire la nostra comunità.

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *