Polizia di Stato e Guardie EMPA denunciano una persona per detenzione di animali protetti e maltrattamento

E.M.P.A.
ENTE MEDITERRANEO PROTEZIONE ANIMALI
Croce d’oro
SEZIONE DI NAPOLI

Gli agenti della Polizia di Stato di Napoli, ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, in collaborazione con le guardie zoofile E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali) del Nucleo Provinciale di Napoli, visitato da Striscia la notizia, ha denunciato ai sensi degli art. 544 ter c.p. e 727 c.p., così modificato dalla legge 189/04, e Legge 157/ 92 a piede libero alla Procura della Repubblica di competenza, una persona di 67 anni di Napoli, Via Alveo Artificiale per detenzione illecita di animali, per maltrattamento e bracconaggio di specie protetta dalla Convenzione di Washington (1995). La Polizia veniva contattata dalle guardie zoofile EMPA giunti sul posto, che hanno rinvenuto all’interno di un garage circa 40 cardellini Carduelis Carduelis famiglia dei fringillidi, poveri animali indifesi, vittime della ferocia di persone senza scrupoli che mirano soltanto al facile guadagno. Il valore commerciale della fauna sequestrata ammonta a circa 5.000 Euro. I cardellini sequestrati, inoltre, erano in condizione ritenute incompatibili con la loro natura e soprattutto in stato di gravi sofferenze, poiché erano detenuti al buio all’interno del garage di pertinenza dell’abitazione del denunciato.
Alle ore 11,00, così come disposto dalla Procura della Repubblica, i cardellini sono stati liberati nell’area del Bosco di Capodimonte. Si è posta così la parola fine ad una triste vicenda che vede le Forze dell’Ordine affiancate dalle Guardie Volontarie EMPA prevalere su chi violentando la natura organizza traffici illeciti ai danni di poveri animali indifesi ed ignari del grado di cattiveria a cui può giungere il genere umano.
L’E.M.P.A di Napoli ha espresso vivo apprezzamento per l’ottima azione della polizia di stato, i cui uomini si sono prodigati non poco per salvare questi animali. Un particolare ringraziamento va al Primo Dirigente Dott. Michele Spina.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *