Polizia e guardie zoofile EMPA denuncianoper maltrattamento animali

E.M.P.A. ENTE MEDITERRANEO PROTEZIONE ANIMALI Croce d’oro SEZIONE DI NAPOLI COMUNICATO STAMPA

NAPOLI (NA) A seguito di una segnalazione anonima pervenuta alle Guardia zoofila dell’ E M P A (Ente Mediterraneo Protezione Animali), di un commercio illegale di animali predetti in Napoli alla via Vesuvio presso l’attività commerciale denominata uccellerai o chiatton”, al civ 47 le guardie zoofile si portavano sul posto per un riscontro dalla segnalazione, si notavano fuori al negozio adibito alla vendita di animali gabbie con uccelli, trattasi di una zona con un tasso camorristico molto frequente si contattava il 113 (Polizia di Stato ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico) dopo circa 10 minuti si portava sul posto una volante con due agenti, si procedeva congiuntamente a l’operazione, e stato effettuato un controllo nel negozio e si notavano circa 30 uccelli di specie predette cardellini (Carduelis carduelis famiglia dei fringillidi) da un controllo accurato si notava all’interno di una scatola una tartaruga della specie Hermanni hennanni vietata dalla legge 150/92 Convenzione di Washington subito scattava il sequestro, le persone identificate venivano denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Napoli per detenzione e commercio di fauna predetta e maltrattamento animali.
Infine i volatile e testuggine venivano affidate al Presidio Ospedaliero Veterinario di Napoli ASL NA/ 1 (ex Frullone), per le cure e il recupero biologico ed eventuale librazione in natura.

Purtroppo, questo commercio non sfugge al controllo della criminalità organizzata in quanto rappresenta una fonte di guadagno notevole che comporta pochi rischi. Il giro d’affari in Italia ammonta almeno 40 milioni di euro all’anno”

L’ E.M.P.A di Napoli ha espresso vivo apprezzamento per l’ottima azione della polizia di stato i cui uomini si sono prodigati non poco per salvare questi animali. Un particolare ringraziamento va al Primo Dirigente Dott. Michele Spina per la fattiva quanto celere collaborazione.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *