Primo appuntamento con UN MARE DI LIBRI all’Hotel Esplanade di Viareggio

 

Ritorna puntualmente anche questa estate la rassegna UN MARE DI LIBRI, ideata e condotta da Demetrio Brandi in collaborazione con LuccAutori – premio Racconti nella Rete. Per sei giovedì consecutivi, fino al 6 agosto, sarà la bellissima terrazza dell’Hotel Esplanade di Viareggio, in piazza Puccini, ad accogliere incontri di vario genere con scrittori, poeti, scultori e pittori. Agli incontri fanno seguito le cene al Ristorante Ciccarelli Esplanade. Gli incontri saranno proposti in diretta streaming su facebook “Un mare di libri 2020″.   Giovedi 2 luglio alle 18.30 Luigi Nicolini presenta ” Antonio Puccini – una vita all’ombra del padre” (Pezzini Editore), Maria Grazia Piastri “Scrivo il tuo nome” (Giovane Holden Edizioni). Il regista Luca Martinelli presenta il film “L’uomo Samargantico” insieme agli attori Raffaele Totaro e Giancarlo De Biasi. La pittrice e scultrice Clara Mallegni presenta l’opera “Diagonali”, con l’intervento del critico d’arte Lodovico Gierut.   Luigi Nicolini “Antonio Puccini – una vita all’ombra del padre” (Pezzini Editore), “…Vivere insieme per sempre col nostro bambino…”: così scrive Giacomo a Elvira con parole di profonda tenerezza nei confronti del suo piccolo Antonio. Molti anni dopo, negli ultimi terribili giorni di vita del maestro, il figlio gli è accanto instancabilmente con altrettanta tenerezza: “Povero papà! Fa pena vederlo così abbattuto e impressionato”. In mezzo a questi due momenti, la vita con le sue complesse dinamiche, ancora più complesse se il padre si chiama Giacomo Puccini e la madre è una donna già sposata che, per amore del musicista, non ha esitato ad abbandonare la famiglia. – Luigi Nicolini, terminati gli studi classici, si è diplomato con il massimo dei voti in Pianoforte e in Composizione. Ha suonato, sia come solista che con l’orchestra, nei maggiori centri europei. Si è esibito, tra l’altro, all’interno di programmi radiofonici Rai. È compositore di musica melodica, sacra e sinfonica. Ha composto le opere liriche La zingara guerriera e Il dubbio; è autore di libri e saggi di argomento vario, che hanno ricevuto numerosi riconoscimenti.   Maria Grazia Piastri “Scrivo il tuo nome” (Giovane Holden Edizioni) Siamo abituati a dire “io mi chiamo” ma in realtà sono gli altri a chiamarci: i nostri genitori scelgono un nome per noi alla nascita, e noi impariamo a identificarci con quello. I nomi hanno sempre un significato, non soltanto in senso etimologico, e ognuno porta con sé una storia con un’origine e, probabilmente, un destino… Altrettanto facciamo con i nostri animali, gli diamo un nome e con esso un’identità che lo contrassegna come appartenente a una famiglia. All’interno di questa famiglia l’animale ha il diritto di sentirsi protetto. Almeno in teoria. In realtà ogni giorno l’uomo si macchia di crudeltà nei confronti degli animali. Molti vengono uccisi, spesso in modo barbaro, molti altri portati via dal loro habitat naturale per il divertimento dell’uomo, altri ancora privati di ogni dignità e usati come cavie da laboratorio. A questi si aggiungono tutti quelli vittime di violenza gratuita, di abbandono, di solitudine. Lottare per i diritti degli altri animali e per l’ambiente è fondamentale anche per garantire migliori rapporti tra gli stessi esseri umani.   Luca Martinelli presenta il film “L’uomo Samargantico” – “Benvenuti nella normalità” recita il manifesto del film, e sembra quello che tutti adesso ci auguriamo. “L’Uomo Samargantico” è comico, surreale, satirico. “E’ fatto per divertire il pubblico”, dicono gli sceneggiatori Fulvio Fuina e Luca Martinelli. “Infatti, il film inzia, si svolge, e si conclude praticamente alla fine” (questo era quasi uno spoiler). L’Uomo Samargantico” (l’Accademia della Crusca dovrà farsene una ragione), è stato scritto in un centro commerciale, il Carrefour di Massa, che ha avuto l’inconsapevole sorte di ospitare ai suoi tavoli gli autori, anche di notte. Gli autori ringraziano, soprattutto per l’aria condizionata. E’ una storia che vuole strappare molti sorrisi. Non a caso tra gli attori principali ci sono alcuni cabarettisti, stand-up comedian, volti noti a chi segue le trasmissioni di Comedy Central o Zelig. Chi è “L’Uomo Samargantico”? Un moderno Don Chischiotte che va incontro a qualcosa che non conosce, però vuole cambiarsi la vita. E allora va in cerca di qualcosa: una strada vicina, una porta per entrare nel mondo che sogna. Perché Amadeo Rossi sogna ma non sa dove andare. Intorno a lui, tutti sono prodighi di consigli e suggerimenti: cosa fare, mangiare, bere, sognare. Tutti hanno sempre qualcosa da dire. Pur non sapendo cosa dire.   Clara Mallegni è un’artista poliedrica e originale; pittrice scultrice, nasce a Viareggio, vive e lavora a Marina di Massa. Fin da giovanissima si dimostra versatile nel disegno e nelle arti in genere, ma non frequenta scuole artistiche ne corsi accademici. Per molti anni la visione dei suoi lavori è riservata ai soli amici e conoscenti. L’incontro con il critico d’arte Lodovico Gierut e la frequentazione di altri letterati e artisti, arricchiscono enormemente il suo bagaglio di esperienze e quelli che seguono sono anni di lavoro accanitissimo ricchi di soddisfazioni. La costante della sua ricerca nell’utilizzo dei materiali più disparati, spazia dal figurativo all’astrazione, dal collage alla scultura, con simboli costantemente presenti. Il ” suo” archetipo, utilizzato con frequenza, è una figura umana in volo che fa pensare persino ad un gabbiano, quei gabbiani che lei ama tanto e le fanno compagnia ogni giorno durante le sue lunghe passeggiate sulla spiaggia. Ha opere in luoghi pubblici e privati di rilievo: nella Casa Museo Ugo Guidi -Forte dei Marmi, Fondazione “la Versiliana” -Marina di Pietrasanta, Teatro Manzoni- Massarosa, Museo Mandralisca- Cefalu, Ospedale Pediatrico Apuano- Massa Carrara, Consolato Italiano – New York, Carlo’ s Bakery “the Cake Boss” New York, Museo MO.CA Montecatini Terme; così come, sempre in maniera stabile, ha sculture nella sede del Consiglio della Regione Toscana- Firenze, alla Fondazione Nazionale Carlo Collodi ed a Massa, Marina di Massa e Bocca di Magra in spazi pubblici, a Fosdinovo ha posizionato una scultura monumentale“Veleggiando tra Liguria e Toscana”     I prossimi incontri:   Giovedì 9 luglio ore 18.30   Eric Matteucci “Concorsi e verdetti: come organizzare un concorso di successo con una giuria credibile” (Book Sprint Edizioni). Cinzia Della Ciana “Grumi sciolti” (Helicon Edizioni). Luciana Mei “Storie d’amore” (Giovane Holden Edizioni). La scultrice Isabella Scotti e la pittrice Marcela Bracalenti, con l’intervento del critico d’arte Claudia Menichini.   Giovedì 16 luglio alle 18.30   Eleonora Sottili “Senti che vento” (Einaudi), Ilaria Bianchi “Viola di notte” (Bookabook), Fabrizio Diolaiuti “Cibo, spreco e rifiuti: un viaggio alla ricerca di un equilibrio possibile tra consumo e sostenibilità” (Fuorionda). Con l’intervento della registra teatrale e pittrice Alessandra Silvia De Simone   Giovedì 23 luglio alle 18.30   Silvia Bello Molteni “Di verso ostile” (Salvioni), Giancarlo Gori “Flamenco Rock” (Youcanprint), Giuliano Bruni “Comunicare: umana necessità” (Mauro Pagliai Editore), Simone Innocenti “Vani d’ombra” (Voland), Umberto Guidi e Giampaolo Ghilarducci “La regina delle spiagge” (Edizioni Ancora). Con l’intervento di Alessandro Adami, presidente Fondazione Giovanni Pascoli.   Giovedì 30 luglio alle 18.30   Andrea Mauri “Contagiati” (Edizioni Ensemble). Susanna Daniele “Serra si racconta” (Consiglio regionale Toscana). Eugenia Di Guglielmo “Come un ramo secco” (Scatole Parlanti). Gian Carlo Iannella “Affetti collaterali” (Amazon). Con l’intervento del pittore Tito Mucci     Giovedì 6 agosto alle 18.30   Laura Orsolini “Play” (La Memoria del Mondo), Andrea Serra “Luna Viola” (Miraggi Edizioni), Sergio Fortuna “Qualcosa di mio” antologia fotografica. Con l’intervento del pittore Giovanni Mazzi, di Isabella Tobino, presidente Fondazione Mario Tobino, e di alcuni vincitori del premio letterario “Racconti nella Rete 2020”, il più importante premio nazionale per inediti online.     L’Ufficio Stampa 3356141086

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *