Quindicimila euro per realizzare un sogno, il più luminoso

Al via il crowdfunding per la realizzazione del progetto “Illuminiamo la tradizione”

Un ponte immaginario che unirà, per sempre, Molfetta ad Hoboken, nel New Jersey. Con milioni di lampadine colorate che andranno a comporre le luminarie che, partendo da Molfetta, raggiungeranno l’altra parte del mondo, dopo aver attraversato l’Oceano. E la realizzazione di un film documentario che lascerà traccia di quanto è accaduto e che porterà, nei titoli di cosa, i nomi di quanti contribuiranno alla realizzazione del film.

L’iniziativa rientra nel progetto “Illuminiamo la tradizione”, sostenuto, per quanto concerne l’acquisto delle luminarie, dal Comune di Molfetta. Comprende oltre all’acquisto e al trasferimento delle luminarie negli States, anche la realizzazione di un film documentario.
I quindicimila euro, saranno raccolti in 180 giorni, con il crowdfunding, una forma di finanziamento che dal basso, attraverso la mobilitazione dei singoli, sostiene economicamente progetti e idee sfruttando la potenzialità del web.

L’iniziativa è dell’ Associazione Culturale Oll Muvi, quelli di I Love Molfetta, l’ideatore e coordinatore del progetto e Roberto Pansini. Nel documentario, un film d’autore di alto valore culturale di circa 40 minuti, opera del regista Riccardo Marino, realizzato dalla Serious Production, con sede a Roma, gli emigranti saranno parte attiva del progetto prestando la propria voce per il racconto della loro nuova vita negli States. Nel film l’iniziativa “Illuminiamo la tradizione” sarà descritta attraverso una serie di interviste a grandi personaggi che si sono messi a disposizione per spiegare al pubblico come nasce l’evento Hoboken Italian Festival, the feast of the Madonna dei Martiri. Infatti, sono state già raccolte testimonianze eccellenti, mentre altri testimonial potrebbero aggiungersi presto a questa straordinaria avventura.

Per partecipare al crowdfunding: http://www.ilovemolfetta.it/crowdfunding

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *