Reggia di Caserta. 11mila visitatori a Pasqua e Pasquetta.

GRANDE SUCCESSO DEGLI AGRITURISMO. CODACONS FRENA ENTUSIASMO DI FRANCESCHINI

by giovanna paolino
Pasqua da record alla Reggia di Caserta. Il weekend 26-28 marzo ha registrato un boom di visite. Sono stati 4mila i turisti che hanno solcato gli splendidi appartamenti della Reggia sabato 27 e 5mila il lunedì dell’Angelo. Ospite a sorpresa il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, in visita privata nella dimora vanvitelliana con l’intera famiglia.
Ma la storica dimora non è stata la sola meta dei tanti turisti che hanno affollato i più bei siti campani. Per le gite fuori porta in tanto hanno scelto Casertavecchia e lo splendido Borgo di San Leucio.
Un altro dato notevole è il numero di agriturismi prenotati sia nel giorno di Pasqua che di Pasquetta. in  provincia di Caserta. Già nel periodo natalizio questo settore andò molto bene e oggi si riconferma come uno dei luoghi preferiti, dai campani, per trascorrere le festività. successo anche nella provincia di Caserta, soprattutto nella Reggia che attira turisti da tutto il mondo. Si recano qui non solo per ammirare la bellezza architettonica ma anche per degustare le eccellenze agroalimentari di questa città:
“Una passeggiata all’aria aperta – commenta Manuel Lombardi, presidente di TerraNostra/Coldiretti Campania – la degustazione di prodotti a km zero delle nostre aziende Campagna Amica cucinati dai nostri talentuosi “agri-chef” nel rispetto delle tradizioni campane, il desiderio e la curiosità di scoprire il nostro affascinante territorio con percorsi che toccano bellezze architettoniche e naturalistiche sono i principali temi che hanno determinato le tantissime richieste di prenotazione per questo weekend pasquale 2016 pervenute in grande e largo anticipo. Merito di questo successo è la costante attenzione che le nostre strutture danno alle esigenze dei viaggiatori garantendo loro qualità, tranciabilità”.
Dario Franceschini, ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, ha reso noto che rispetto all’anno scorso, durante le feste pasquali sono state registrate delle crescite percentuali in tutti i musei d’Italia, da nord a sud, da Paestum a Brera.
Secondo i dati raccolti, tra Pasqua e Pasquetta sono state registrate oltre 36 mila presenze al Colosseo, 25 mila a Pompei, 22 mila ai Musei e Giardini reali di Torino e circa 20 mila agli Uffizi. A Caserta circa 11mila visitatori.
Maurizio Gallicola  Presidente di Codacons Caserta  ha affermato , invece, che quest’anno    vi sarebbero stati danni per milioni di euro al settore turistico, con conseguenze negative anche sul fronte dell’occupazione.
Il Codacons attribuisce il calo del turismo delle festività pasquali  al cosiddetto effetto Bruxelles.
” La paura   di possibili attentati – ha continuato Maurizio Gallicola – ha modificato di fatto le scelte dei turisti, specie quelli che non avevano programmato con largo anticipo le vacanze pasquali, i quali hanno preferito mete alternative o rimandato i viaggi”.
” I timori  di albergatori e imprese del settore turistico- ha concluso Maurizio Gallicola – hanno trovato riscontro nella realtà, dato che a Roma è stato registrato un calo del 5% rispetto alle festività dello scorso anno.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *