Rosso Malpelo santo? Allora c’è speranza per tutti! Il beato Nunzio Sulprizio, last but not least

A cura di P. Pietro Messa, ofm

Il 19 maggio 2018 papa Francesco ha stabilito che domenica 14 ottobre saranno canonizzati i beati Paolo VI, Oscar Arnulfo Romero, Francesco Spinelli, Vincenzo Romano, Maria Caterina Kasper e Nazaria Ignazia; in un secondo momento, esattamente a quattro mesi di distanza, il 19 luglio è stato aggiunto a tale gruppo il beato Nunzio Sulprizio (1817-1836).

Naturalmente la “parte del leone” in tali canonizzazioni che si svolgono durante il sinodo dei vescovi dedicato ai giovani la fanno per motivazioni varie papa Paolo VI e monsignor Romero come si constata dall’attenzione e spazio a loro dedicato dai media anche cattolici. Eppure l’unico giovane è proprio l’ultimo arrivato, ossia Nunzio Sulprizio la cui esistenza talmente disgraziata – presto orfano, sfruttato dallo zio, malato di carie ossa, respinto dai conterranei perché ritenuto infetto, amputato di un arti, morto a 19 anni – ricorda rosso Malpelo protagonista dell’omonima novella di Giovanni Verga. Anche le immagini rimaste di lui non sono molto fotogeniche! Certamente, ad esempio, i beati Piergiorgio Frassati  o Chiara Badano sarebbero stati più attraenti e conosciuti.

Ma la vita di tanti giovani, e non, fondamentalmente è simile proprio a quella del beato Nunzio e la tentazione più diffusa è quella della disperazione. Ma se la vicenda di quest’ultimo è simile a quella di rosso Malpelo a motivo delle sofferenze famigliari, lavorative, relazionali, la differenza tra i due la fa la fede semplice schietta che la nonna gli trasmise e che trasfigurò i suoi giorni di reietto.

Per non ridurlo a un “santino” sbiadito e scoprirne tutta la valenza c’è proprio da guardare la vicenda di Nuzio Sulprizio in modo comparato con la lettura della Rosso Malpelo di Verga o viceversa cogliendone continuità e diversità.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *