SAN NICOLA LA STRADA – Ambito C1, Marotta liquida ulteriore tranche debiti 2014 per 50.000 euro

Il Comune di San Nicola la Strada partecipa all’Ambito C1, con i Comuni di Caserta, Casagiove e Castel Morrone, per la gestione associata dei servizi sociali, in forza della Convenzione ex art 30 del d.lgs. n 267/00, sottoscritta nel 2010, in attuazione della legge 328/00. In data 31 AGOSTO 2016 tra i predetti Comuni è stato sottoscritto l’accordo di programma per l’adozione e la realizzazione in forma associata del Piano triennale in applicazione del Piano Sociale Regionale 2013/2015. L’accordo suindicato prevede il trasferimento delle risorse a carico dei Comuni partecipanti in un unico centro di costo denominato Fondo Unico di Ambito (FUA). L’accordo sottoscritto non venne onorato dall’Amministrazione allora guidata dall’ex Sindaco commissariato Pasquale Delli Paoli. Infatti, i principali debitori dell’ambito erano il Comune di Caserta ed il Comune di San Nicola la Strada, ragione per cui il Sindaco Marotta ha ritenuto necessario di fare ogni sforzo per annullare il “gap” finanziario che è effettivamente troppo elevato ed è una “palla al piede” dell’Ambito Sociale che deve erogare servizi sociali ai cittadini più bisognosi. Il debito accumulato nel corso della consiliatura di Delli Paoli ammontava ad oltre 1.000.000 di euro e, al fine di recuperare credibilità nei confronti degli altri compartecipanti all’Ambito C1, ed anche al fine di garantire i servizi essenziali, come l’assistenza domiciliare, l’assistenza domiciliare dei disabili, l’assistenza specialistica scolastica, il primo cittadino ha inteso iniziare a pagare in diverse tranche la situazione debitoria del 2014 e, con la determina nr. 74 del 17 febbraio 2017, di liquidare in favore del Comune di Caserta, quale Comune capofila dell’Ambito C1 la somma di 50.000 euro quale ulteriore anticipo sulla quota socio/sanitario e socio/assistenziale anno 2014 sulla situazione debitoria.

Nunzio De Pinto

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *