San Potito Sannitico. I primi studenti hanno varcato la soglia del nuovissimo Polo Scolastico in località Beneficio, la soddisfazione di Imperadore

SAN POTITO SANNITICO – Con un’ordinanza sindacale, la n.42 dello scorso 8 settembre 2017, il primo cittadino di San Potito Sannitico Francesco Imperadore ha disposto il trasferimento delle attività scolastiche dalla vecchia sede di via Pozzo Campagna alla nuova sede di via Pantano, località Beneficio, dove si erge maestoso il nuovissimo Polo Scolastico che si estende su una superficie di circa 2000 metri. Era il 15 gennaio 2015 quando fu approvato il progetto definitivo di quella che oggi è una cittadella scolastica costruita con materiale all’avanguardia e rispettando le più rigide norme sismiche. E così, lo scorso 12 settembre, tutti i ragazzi potitesi hanno potuto varcare per primi la soglia della suggestiva cittadella, gioiello di tutto l’Alto Casertano e non solo. Questo dopo che con delibera di giunta n.89 del 31 agosto 2017 sono stati stanziati 55.500,00 euro di fondi per la realizzazione di interventi in materia di diritto allo studio per l’anno scolastico 2017/2018, precisamente destinati al trasporto scolastico, alla mensa scolastica e alla fornitura dei libri agli alunni della scuola primaria. Stando a quanto si legge nell’allegato alla delibera di giunta “per coloro che hanno tre figli che usufruiranno della mensa scolastica il terzo non paga”.

“Comincia meravigliosamente questo anno scolastico 2017/2018 per gli studenti di San Potito Sannitico, – ha esordito con soddisfazione il sindaco Francesco Imperadore – questo anno scolastico rimarrà nella storia di San Potito Sannitico perché il Polo Scolastico di località Beneficio è la cosa più bella che potessimo realizzare per i nostri figli, che sono il futuro”.

 



 Adele Consola

Giornalista freelance

Ordine dei Giornalisti della Campania N. 144519

 Mail adeleconsola2@gmail.com

 

DCIM100MEDIADJI_0004.JPG

DCIM100MEDIADJI_0009.JPG

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *