Santangelo si dimette da consigliere provinciale

si apre un percorso nuovo teso ad includere chi ha voglia di lavorare per il territorio

L’imprenditore di Maddaloni Vincenzo Santangelo si è dimesso da consigliere provinciale. L’atto è stato protocollato questa mattina presso gli uffici della Saint Gobain. La decisione nasce da un ragionamento a metà tra il politico e il personale. «La crisi del sistema dei partiti impone agli uomini che operano sul territorio di mettersi in rete – ha spiegato Santangelo – per farlo è necessario che si ampli il livello di partecipazione da parte di soggetti che, partendo da un sentire comune, nel mio caso il cattolicesimo moderato, si impegnano per tutelare gli interessi della collettività. Da qui la scelta di fare spazio, in quest’ultima parte di mandato con il solo e unico obiettivo di costruire un percorso che tenga dentro chi vuole lavorare per il bene del territorio a tempo pieno. Nell’ultimo periodo, i crescenti impegni professionali, hanno ridotto sensibilmente lo spazio per la mia attività di consigliere. Immaginare di continuare a ricoprire quella casella solo perché bisognava ostentare una stelletta da mettere sulla giacca, significava tradire i miei principi e quelli dell’elettorato che mi hanno votato per essere rappresentati. Chi subentrerà al mio posto, l’amico Gianluigi Santillo, dovrà impegnarsi proprio nel rispetto dei suoi e dei miei elettori a fare bene per tutta la provincia. Il fatto che Maddaloni perde un consigliere provinciale, non significa che perde un riferimento politico. Con questa scelta si modifica e si amplia il mio raggio d’azione che, comunque, terrà sempre d’occhio quelle che sono le sorti della mia città anche perché devo all’affetto e alla fiducia dei maddalonesi i risultati che ho raggiunto e da loro ripartirò per nuovi e ambiziosi traguardi».

Caserta, 29 settembre