Sant’Anna, stasera Umberto Tozzi. Domani i fuochi e l’arrivo dei familiari delle vittime di Modugno

 ALIFE – Sono ormai entrati nel vivo i festeggiamenti in onore di Sant’Anna ad Alife. C’è attesa per le serate più importanti a cominciare da stasera. E’ previsto per le ore 21:30 in piazza XIX ottobre il concerto di Umberto Tozzi, il cantautore e chitarrista che, con 80 milioni di copie vendute, è tra gli artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi. Un pezzo di storia della musica italiana sul palco alifano per riportare indietro con la mente chiunque. Come non ricordare il suo debutto da solista, 1976, con l’album “Donna amante mia”; la sua famosissima “Gloria”; la sua bella “Eva”; fino ad arrivare all’indimenticabile 1987, quando assieme a Gianni Morandi e Enrico Ruggeri vince il Festival di Sanremo 1987 con il brano “Si può dare di più”

Domani, 30 luglio ore 21:30, sarà la volta dell’Orchestra spettacolo DEGA che ritornerà a riempire piazza Santa Caterina com’è avvenuto in queste sere passate. Poi degli ospiti importanti: i familiari delle vittime della violenta esplosione che il 24 luglio dello scorso anno devastò la BIG Bruscella di Modugno, Bari, a pochi giorni dalla loro esibizione nello spettacolo piromusicale qui ad Alife. Un altro tipo di spettacolo fu organizzato, all’ultimo momento, per onorare quelle vittime, dato anche il rapporto di amicizia instaurato tra i titolari e presidente del Comitato festeggiamenti Sant’Anna Luca Zarrone. “E quest’anno l’idea di avere i familiari tra noi”, ha precisato Zarrone. Dunque alle 23:00 appuntamento imperdibile con la grandiosa scenografia di giochi pirotecnici lungo la sponda del torano. E dopo mezz’ora l’ormai atteso spettacolo piromusicale eseguita dalla ditta “Chiarappa & figli” da San Severo, magie di fuochi illumineranno il cielo di Alife ricordando anche le vittime di Modugno.


 

Adele Consola

Giornalista freelance

Ordine dei Giornalisti della Campania N. 144519

 Mail adeleconsola2@gmail.com

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *