SANTORINI LA MAGICA ISOLA DELLA GRECIA

High angle view of Santorini blue dome churches, Greece

 

Santorini è un’isola magica della Grecia conosciuta per i suoi villaggi bianchi affacciati sul blu, per i tramonti più belli dell’Egeo, per i suoi panorami mozzafiato sulla caldera e per le spiagge. Rosse, nere, grigie, gialle, bianche, di sabbia, di ciottoli, di pietre e di lava! I mille colori e le mille forme delle spiagge più belle di Santorini vi faranno perdutamente innamorare. Skyscanner vi porta sulla piccola isola delle Cicladi per scoprire alcune delle spiagge più belle della Grecia, tra taverne sul mare, baie incantate e isolotti vulcanici da scoprire con tour in catamarano.

Quali sono le spiagge più belle di Santorini?Approdiamo

sulla bellissima isola delle Cicladi per portarvi alla scoperta delle spiagge più belle e colorate di Santorini, in un tour che parte dall’estremo nord, con Oia e la sua baia incantata, scivola a sud con la famosa Red Beach e risale l’isola attraccando sulle isolette desolate ma affascinanti della caldera. Venite con noi a Santorini a scoprire alcune delle spiagge più particolari della Grecia, per prendere il sole sui resti di un antico vulcano!

L’isola di Santorini

Chi avrebbe mai immaginato che una tremenda esplosione vulcanica avrebbe dato vita a una delle isole più belle della Grecia? La piccola Santorini, con i suoi 73 chilometri quadrati, è l’isola più a sud dell’arcipelago delle Cicladi. Un luogo che è tutta una sorpresa fin dal primo istante quando, provenendo dal mare si approda a Fira e si risale a dorso di mulo la vecchia scalinata a tornanti. La bellezza di questa isola vulcanica si gode tutta dall’alto ma anche dal basso delle sue bellissime spiagge vulcaniche, che vi aspettano per una vacanza greca a tutto sole, perfetta per le famiglie, gli amanti del relax e le coppie in cerca di romanticismo. La caldera è il suo fiore all’occhiello, con le baie cristalline che vi si affacciano e la colorano di rosso, grigio e nero, poi ci sono le tipiche abitazioni bianchecon le porticine e le finestrelle sul blu. Pronti per spiagge-gioiello, acque pulite e paesaggi romantici?

Spiagge Santorini

Come arrivare a Santorini

L’isola greca di Santorini può essere comodamente raggiunta in aereo atterrando all’Aeroporto di Santorini, situato nei pressi di Kamári e Monólithos, a circa 7 chilometri da Fira. Si può arrivare a Santorini anche via mare con i traghetti in partenza dal porto del Pireo, 10 chilometri a sud-ovest di Atene (la durata del viaggio varia dalle 7 alle 9 ore a seconda dell’imbarcazione scelta).

Le 10 spiagge più belle di Santorini

1. Amoudi Bay

Iniziamo il nostro tour alla scoperta delle spiagge più belle di Santorini dalla bellezza stupefacente di Amoudi Bay, nell’estremo nord dell’isola, appena sotto il famoso villaggio di Oia. Si tratta di una piccola baia dall’acqua smeraldina, punteggiata di barchette, direttamente affacciata sulla caldera e protetta da pittoresche scogliere di un rosso vivo. Dopo un tuffo ristoratore godetevi la brezza al tavolo di una delle tante taverne tipiche all’aperto, con vista sul mare.

Come arrivare: Amoudi Bay si raggiunge scendendo circa 200 scalini o a dorso di un mulo.

Spiagge Santorini: Amoudi Bay

2. Éxo Gialós

Scendendo verso sud-ovest incontriamo Éxo Gialós che, insieme alle vicine spiagge di Xiropígado e Vourvoúlos, rappresenta uno dei tratti più selvaggi e impressionanti di tutta la costa orientale di Santorini. Questa bellissima spiaggia fa parte del territorio del villaggio di Karterados, che vi consigliamo di visitare. È un luogo unico per via delle sue incredibili scogliere, plasmate dall’acqua e dal vento, che scendono a picco sulla sabbia di ciottoli neri e sul mare blu cobalto.

Come arrivare: Éxo Gialós si raggiunge con il fuoristrada, superando il villaggio di Karterados.

Spiagge Santorini: Éxo Gialós

3. Monólithos

Appena dopo la spiaggia di Éxo Gialós spunta quella di MonólithosTranquilla e attrezzata, questa è una spiaggia di Santorini decisamente perfetta per le famiglie con i bambini, che possono trascorrere una giornata di mare con tutti i comfort possibili. La sua piatta distesa di piccoli ciottoli e sabbia nera, caratterizzata da fondali che digradano dolcemente verso il mare, è l’ideale per il bagno dei più piccoli che possono essere lasciati a giocare sul bagnasciuga.

Come arrivare: Monólithos si raggiunge facilmente in macchina, superando il villaggio di Karterados.

Spiagge Santorini: Monólithos

4. Kamári

Una delle spiagge più affollate e organizzate di Santorini è quella di Kamári, situata nella parte sudorientale dell’isola. Questo lido, come quello di Monólithos, è perfetto per le famiglie poiché attrezzato, facilmente raggiungibile e rilassato. La sua sabbia nera mista a sassi, il suo mare dai fondali bassi e i suoi ombrelloni di paglia sono ormai icone e l’hanno resa la spiaggia più popolare dell’isola. Suggestiva la grande roccia Mesa Vounoche la divide da Períssa.

Come arrivare: Kamári si raggiunge facilmente in macchina o con i mezzi pubblici dell’isola.

Spiagge Santorini: Kamári

5. Períssa

A dividerla da Kamári c’è il promontorio di Mesa Vouna e l’Antica Fira, un sito archeologico che con i suoi templi e la Terrazza delle Feste, sovrasta il blu e la favolosa spiaggia in questione: Períssa. Questa spiaggia è una lunghissima distesa di sabbia nera animata notte e giorno lungo i suoi circa 7 chilometri. Il suo mare cristallino è ideale per gli amanti dello snorkeling e degli sport d’acqua, che dopo un po’ di sana attività sportiva potranno rifocillarsi nelle taverne lungomare.

Come arrivare: A Períssa si arriva facilmente in macchina o con i mezzi pubblici dell’isola.

Spiagge Santorini: Períssa

6. Perívolos

Prolungamento naturale di Períssa, Perívolos è un’altra spiaggia di Santorini che vale la pena visitare, soprattutto quando soffiano i venti forti da nord. La sua caratteristica maggiore risiede nei granelli di sabbia, di un colore nero intenso, diverso dal resto dell’isola e anche dalla vicina Períssa. Chi è alla ricerca di privacy e relax, in una bella spiaggia attrezzata dai fondali cristallini, viene fin qui, un lido adatto a tutti gli sport e perfetto per le immersioni subacquee.

Come arrivare: Perívolos è raggiungibile facilmente in macchina o con i mezzi pubblici dell’isola.

Spiagge Santorini: Perívolos

7. Vlycháda

Con la spiaggia di Vlycháda approdiamo ufficialmente nella parte sud di Santorini e… dopo tanto nero un po’ di grigio! Come il colore della sua particolare sabbia, mista a pietre di pomice. Un luogo dal magico aspetto lunare, con delle bizzarre pareti rocciose plasmate dal vento e dal tempo e un’atmosfera rilassata, che si discosta da quella animata delle spiagge più a nord. Vlycháda è il posto ideale per leggere un libro in solitaria ammirando i colori dell’Egeo. La prima parte della spiaggia è attrezzata ma pur sempre tranquilla, la seconda è frequentata dai nudisti.

Come arrivare: Vlycháda si raggiunge facilmente in macchina o con i mezzi pubblici dell’isola.

Spiagge Santorini: Vlycháda

8. Red Beach

Ora tocca al colore rosso con Red Beach, forse la spiaggia più celebre e spettacolare di tutta Santorini. Questa lingua di sabbia vulcanica lambisce una laguna che richiama alla mente il colore dello smeraldo, le pareti rocciose, verticali e possenti, ricordano invece quello del rubino, grazie alla lava rossa di cui sono costituite. Questo luogo è spesso affollato per via della sua fama: troverete pace sotto la superficie del mare, facendo sessioni di snorkeling in un magico fondale.

Come arrivare: si accede a Red Beach tramite un sentiero impervio appena dopo il parcheggio.

Spiagge Santorini: Red Beach

9. Kambia Beach

A due passi dalla Red Beach e dalla White Beach (altra spiaggia di Santorini che vi consigliamo assolutamente di esplorare per via delle sue bellissime scogliere bianche che spuntano dal blu), Kambia Beach vi regalerà grande tranquillità. Questo lido è costituito da ciottoli tondi e levigati, di colore grigio e bianco, che donano un aspetto curioso al luogo e scintillano sotto l’acqua cristallina del mare. Un angolo di Grecia consigliato ai viaggiatori in cerca di privacy e relax.

Come arrivare: Kambia Beach si raggiunge via mare, oppure percorrendo una piccola strada sterrata.

Spiagge Santorini: Kambia Beach

10. Nea Kaméni e Palia Kaméni

Pennellate di lava nera, il terreno brullo, un paesaggio lunare unico e un mare cristallino come pochi caratterizzano le due isole situate nella direttamente nella calderadi fronte alla città di FiraNea Kaméni e Palia Kaméni. Esploratele con un’escursione guidata a bordo dei tipici catamarani e tuffatevi nelle acque delle loro calette desolate, per un’esperienza unica da fare nell’Egeo. Da non perdere anche l’isolotto di Thirassia, dove trovare il tramonto più romantico di Santorini, dal suo sperone di roccia che guarda da lontano il villaggio di Oia.

Come arrivare: Nea Kaméni e Palia Kaméni si raggiungono via mare con i traghetti o i catamarani in partenza da Fira.

Spiagge Santorini: Nea Kaméni
COSA VEDERE A SANTORINI?

Dalla Red Beach al tramonto di Oia, dal sito di Akrotiri alla fortezza di Skaros:  cose bellissime da vedere a Santorini.

 

Santorini, perla delle Cicladi, rappresenta ormai da anni il simbolo della vacanza romantica per eccellenza. Trasformata dall’attività vulcanica e distrutta, quasi completamente dal violento terremoto del 1956, questa piccola isola della Grecia vi conquisterà con il suo fascino e il suo charme: piccole spiagge affacciate su un mare limpido, splendidi tramonti sulla caldera, ottima cucina e paesaggi indimenticabili. Ci racconta le 10 cose da fare sull’isola: Elisa di Tripvillage.it. I suoi suggerimenti vi saranno utilissimi per godervi questo magnifico corallo nel cuore dell’Egeo.

Santorini guida la classifica delle 20 più belle Isole della Grecia e vale una vacanza al più presto. Se non avete ancora mai messo piede su questo paradiso di casette immacolate a picco sul mare blu: è ora di rimediare. Date un’occhiata ai voli low-cost per Santorini e fate le valigie!

 

TRAMONTO AD OIA

Oia è, senza ombra di dubbio, il luogo migliore dove ammirare lo spettacolo del tramonto. Costruito nella punta settentrionale dell’isola, questo pittoresco villaggio è uno dei borghi più suggestivi delle Cicladi ed i lavori di restauro dopo il terremoto hanno contribuito ad esaltarne la bellezza. Nonostante qualche boutique di lusso tra i suoi vicoli e i locali con vista sulla caldera, Oia cerca ancora di mantenere un fascino antico ed è qui che farete l’emozionante incontro con la cupola blu più fotografata del mondo. Non vorrete mica tornare a casa senza questo scatto?

 

SPIAGGE DI SANTORNI: PERISSA, KAMARI & RED BEACH

Durante la vostra vacanza a Santorini non può mancare la visita alle spiagge più belle e famose dell’isolaLungo la costa sud-orientale, la grande roccia Mesa Vouno divide due bellissime località di mare: Perissa e Kamari. La spiaggia di Perissa è un’enorme spiaggia di sabbia nera vulcanica lunga 8km, esposta ai venti e quindi perfetta per gli sport acquatici; la versione più chic è la spiaggia di Kamari, anch’essa di sabbia nera e fornitissima di ombrelloni e lettini.

Nella parte sud-occidentale si trova invece la Red Beach, una piccola ma affascinante lingua di sabbia vulcanica, dal colore rosso e nero, circondata da alte pareti rocciose rossastre: si tratta di una spiaggia attrezzata ma, viste le dimensioni ridotte, è meglio raggiungerla al mattino presto per evitare l’affollamento di turisti.

Un consiglio: portatevi delle scarpe da tennis per il percorso dal parcheggio alla spiaggia: è insidioso e con le infradito è facile scivolare.

SITO ARCHEOLOGICO DI AKROTIRI

A Santorini potrete visitare il sito archeologico di Akrotiriun’antica città minoica sepolta da ceneri vulcaniche durante la catastrofica eruzione del 1613 a.C. Scoperto grazie al professor Spiridion Marinatos, la Pompei Minoica ha visto la luce attraverso gli scavi archeologici del 1967 e permette ancora oggi di osservare ciò che è sopravvissuto al cataclisma: gli edifici a due e tre piani, le strade, il sistema fognario e vari utensili di uso comune.

Giorni di apertura: dal martedì alla domenica
Orari di apertura: dalle ore 8:30, alle 15:00
Prezzo: euro 5

ESCURSIONE A HOT SPRINGS

L’escursione in barca alle isolette di Paliá Kaméni, Néa Kaméni e Thirassia è una delle attrattive turistiche principali dell’isola. Grazie alla miriade di agenzie turistiche potrete prenotare il vostro tour, con partenza da Thira o da Oia, che vi porterà alla scoperta di queste piccole isole tuttora interessate dall’attività vulcanica. A Paliá Kaméni potrete godere di tutti i benefici degli Hot Springs: sorgenti d’acqua sulfurea a temperature elevate.

Piccolo consiglio: portate il vostro peggior costume perché l’acqua macchia!

LA LIBRERIA DI OIA: ATLANTIS BOOKS

È il 2002, Oliver & Craig trascorrono una settimana di vacanza a Santorini e ne rimangono completamente affascinati… ma c’è un problema: hanno terminato i loro libri e sull’isola non c’è una libreria! Decidono così, davanti ad un bicchiere di vino, di aprire l’Atlantis Books che diventa, secondo Jeremy Mercer del The Guardian, una tra le 10 librerie più belle del mondo. Una piccola gemma traboccante di libri (in lingua greca, inglese, francese, spagnola, italiana e tedesca), con degli aforismi alle pareti e i loro adorabili cani che dormono tranquilli in mezzo agli scaffali. Assolutamente imperdibile!

Indirizzo: Main Marble Road – Oia
Sito web: Atlantisbooksorg

SHOPPING A THIRA

Se anche qui non sapete rinunciare allo shopping, Thira non vi deluderà! Tra i suoi vicoli potrete trovare boutique di grandi marche, negozietti di artigianato, negozi di souvenir e tantissime gioiellerie. Insomma: ce n’è per tutti i gusti… e per tutte le tasche!

CHIESA PANAGIA DI PLATSANI (OIA)

Al centro di Oia potrete visitare la Chiesa Panagia di Platsani. Si tratta della ricostruzione della chiesa ortodossa inizialmente posta all’interno del castello di Oia, che andò distrutta durante il terremoto del 1956. La leggenda narra che l’icona della Vergine custodita nella chiesa fu trovata in mare da un pescatore, che la portò nella chiesa del villaggio. Nei giorni seguenti l’icona sparì e fu ritrovata tra le mura del castello e capitò continuamente così finché il sacerdote e i cittadini compresero che la Vergine aveva scelto quel luogo per la costruzione di una nuova chiesa. Il termine Platsani deriva, infatti, dalla parola plats – che in greco corrisponde a splash – il suono onomatopeico dell’acqua del mare facente riferimento al luogo in cui fu ritrovata l’icona.

CENA TIPICA CON VISTA SULLA CALDERA

Lo sapevate che la gastronomia greca ha una tradizione antichissima? Si basa principalmente su prodotti mediterranei tipici come olio d’oliva, verdure, carne e dell’ottimo pesce.

Per una cena tipica partiamo dagli ottimi mesèdes (antipasti) a base di sottaceti, acciughe e dolmades – foglie di vite ripiene di riso, cipolle e pomodori con erbe aromatiche – il tutto servito con l’immancabile salsa tzatziki (yogurt lavorato con aglio, olio e cetriolo). Proseguiamo con la famosa moussakà – un pasticcio di melanzane, patate e carne a strati, conditi con ragù di carne e besciamella, e cotti al forno – o con una fantastica portata di pesce fresco.

Dove gustare queste prelibatezze? Lasciatevi avvolgere dalla magica vista e dall’ottima cucina del Character Café & Restaurant

Character Café & Restaurant

Ipapantis, Thira-Santorini (Vicino al Santozeum Museum)
 

THIRA: DAL PORTO ALLA CITTÀ

Se arrivate al piccolo porticciolo Thira Skála, avete tre possibilità per raggiungere la città di Thira: a piedi (con un percorso di circa 40 minuti e circa 900 scalini), sul dorso di un asino (al costo di 5 euro) o con la funicolare (al costo di 4 euro sola andata). Installata nel 1980 è diventata una grande attrattiva turistica che in pochi minuti vi porterà ad un altezza di 220m. La funicolare è sicuramente il modo più veloce e scenografico per godere a pieno del panorama della caldera (e per non far percorrere a quei poveri asinelli la strada sotto il sole cocente).

Info Utili:
La funicolare è in servizio ogni 20 minuti (06:00 – 22:30, da giugno ad agosto).

FORTEZZA DI SKAROS

Concedetevi una pausa dal flusso di turisti onnipresenti e visitate il villaggio di Imerovigli. Da qui parte uno splendido sentiero che vi poterà direttamente alla fortezza di Skaros, antico capoluogo di Santorini, costruita dai veneziani nel periodo tardo bizantino. Da qui potete ammirare un magnifico panorama sulla caldera: come perdere quest’occasione?

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *