SICUREZZA STRADALE, MERCOLEDI’ 21/03 AD AVERSA 27ESIMA TAPPA PROGETTO “GUIDA SICURO”

Gli atenei “Federico II” e “Vanvitelli” insieme alle forze dell’ordine per educare i giovani delle scuole secondarie di primo e secondo grado al rispetto del codice della strada nell’ambito del progetto regionale itinerante “Sii saggio, Guida Sicuro”, promosso per il sesto anno consecutivo dall’associazione Meridiani.

Mercoledì 21 marzo (ore 9.30), ad Aversa, nell’aula magna dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” (via Roma 29), 250 studenti interverranno alla 27ma tappa del road show “Sii Saggio, Guida Sicuro”. Dopo i saluti di Furio Cascetta, direttore dipartimento di Ingegneria della “Vanvitelli”; Ada Minieri, referente progetto scuola Associazione Meridiani; Francesco De Paola, docente di costruzioni idrauliche della “Federico II”, si terrà una tavola rotonda con Mariano Pernetti, docente di strade, ferrovie e aeroporti della “Vanvitelli”; Antonio Forte, comandante reparto territoriale dei Carabinieri di Aversa; Alfonso Montella, docente di sicurezza stradale della “Federico II” e presidente commissione scientifica Associazione Meridiani.

Durante i lavori sarà illustrato ai presenti il concorso di idee “Inventa un segnale stradale” (scadenza 15 aprile) la cui manifestazione finale è in programma il 20 aprile a Napoli.

La campagna “Sii saggio, guida sicuro” si svolge in collaborazione con la Direzione scolastica regionale della Campania, l’Unione industriali Napoli, l’Università Federico II, l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli, l’Esercito Italiano, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato, la Polizia Penitenziaria, l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, la Polizia Locale, la Croce Rossa Italiana, l’Anas, il Coni, la Tangenziale di Napoli, la società Iveco, Fondazione Telethon, Auto Bruognolo – Car Service e con la media partnership di Rai Isoradio, con l’obiettivo di diffondere la cultura della sicurezza stradale.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *