“LETTERATITUDINI” AL TEMPO DEL CORONAVIRUS