Teatro, “Mille volte Monica”: a Civitavecchia l’omaggio teatrale alla grande attrice romana a 60 anni dall’esordio

Ridere! Ridere! Ridere! è un film del 1954, sceneggiato da Ettore Scola e diretto dal regista Edoardo Anton. Proprio a questa pellicola risale il primo ruolo cinematografico della Vitti (non accreditata)
“MILLE VOLTE MONICA”: A CIVITAVECCHIA L’OMAGGIO TEATRALE ALLA GRANDE ATTRICE ROMANA A 60 ANNI DALL’ESORDIO
Da un’idea di Tina Vannini e Francesca Barbi Marinetti, poesie, canzoni, riflessioni, scene tratte dai suoi film: con Ketty Roselli, Ottavia Bianchi, al pianoforte Antonio Nasca, a cura di Francesco Sala.
Invito alla Stampa
Tina Vannini e la D.d’Arte
presentano
Mille volte Monica
Omaggio a Monica Vitti
A cura di Francesco Sala

20 – 21 DICEMBRE 2014
ORE 19:00
Teatro Nuovo Sala Gassman Largo Italo Stegher, 2, 00053 Civitavecchia
Dal Margutta al Teatro Con “Mille Volte Monica”
Per prenotazioni 0766 672382

L’EVENTO TEATRALE – “Mille volte Monica”, l’omaggio a Monica Vitti a cura di Francesco Sala, da un’idea di Tina Vannini e di Francesca Barbi Marinetti, andrà in scena al Teatro Nuovo Sala Gassman, largo Italo Stegher 2, a Civitavecchia. Con Ketty Roselli e Ottavia Bianchi, al pianoforte Antonio Nasca.
Il personale omaggio del Margutta RistorArte, storico vegetariano romano, ad una delle più eclettiche, poliedriche artiste del nostro cinema e teatro, attraverso una carrellata di monologhi interpretati Ottavia Bianchi e Ketty Roselli, attrici e cantati, comiche e drammatiche, che ben rappresentano le due facce di Monica Vitti. L’obiettivo primario è quello di conservare quanto ci ha lasciato e insegnato questa grande maestra della romanità. Interventi che ripropongono il suo repertorio, e che diffonderanno la preziosa eredità lasciata da Monica attraverso stralci di monologhi, canzoni cantate dal vivo, aneddoti sulla sua vita, video, interviste e scene tratte dai suoi film.

LO SPETTACOLO – Il progetto nasce grazie ad un’idea di Tina Vannini e Francesca Barbi Marinetti in occasione di una mostra dedicata a Monica Vitti, le quali, insieme a Francesco Sala, hanno dato vita a questo spettacolo. Un omaggio personale ad una delle più eclettiche, poliedriche artiste del cinema e del teatro italiano. L’obiettivo è quello di conservare quanto ci ha lasciato e insegnato questa grande maestra della romanità. E’ stato rappresentato per la prima volta al Margutta RistorArte, ed ora verrà replicato a grande richiesta in teatro. Un passaggio di consegna a due giovani e brave attrici, che interpretando brani scelti, rivivranno, scopriranno e diffonderanno la preziosa eredità lasciata da Monica Vitti. Poesie, canzoni, riflessioni, scene tratte dai suoi film.

L’ESORDIO 60 ANNI FA – Ridere! Ridere! Ridere! è un film del 1954, sceneggiato da Ettore Scola e diretto dal regista Edoardo Anton. Proprio a questo film risale il primo ruolo cinematografico della Vitti (non accreditata) che interpreta il ruolo di Teresa Bit. La pellicola racconta episodi di comicità che vengono raccontati durante un viaggio in treno tra il signor Spinotti (Mario Riva) e il controllore. Tra gli sketch più famosi, quello con un buffo e divertente primario di un ospedale (Ugo Tognazzi) e due pazienti che prima bisticciano e poi s’innamorano l’un dell’altra (Sandra Mondaini e Raimondo Vianello).

LA CARRIERA – L’attrice, romana di nascita con origini familiari siciliane, si diploma nel 1953 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica, allora diretta dal maestro Silvio D’Amico. E le sono bastati appena pochi mesi per iniziare a lavorare nel grande cinema italiano. Indimenticabili le sue interpretazioni in ruoli drammatici, come nella “tetralogia dell’incomunicabilità” di Michelangelo Antonioni (L’avventura, La notte, L’eclisse e Deserto rosso), ma anche in ruoli brillanti come ne La ragazza con la pistola, Amore mio aiutami, Dramma della gelosia e Polvere di stelle. Nel corso della sua carriera cinematografica ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui: 5 David di Donatello come migliore attrice protagonista (più altri quattro riconoscimenti speciali), 3 Nastri d’Argento, 12 Globi d’oro (di cui due alla carriera) ed un Ciak d’oro alla carriera, un Leone d’oro alla carriera a Venezia, un Orso d’argento alla Berlinale, una Cocha de Plata a San Sebastián.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *