Tributo Doors Napoli al Moses

La storica Band Napoletana ritorna al Moses Club Sabato 31 gennaio alle 23 a Napoli

L’ultimo live a Napoli risale a Luglio 2014 al Moses Rock Fest che ha registrato oltre 2000 persone. Una serata dedicata interamente agli anni 70 con proiezioni e selezione audio a tema. I Doors Napoli nascono a Napoli nel 1999 da un’idea di Junior Graziano (ex vocalist dei Neuralia), che, insieme al fratello Carlo Maria Graziano (batterista degli Gnut e di Gino Fastidio), al tastierista Peppe Di Febbraro ed al bassista Luigi Luongo (ex bassista dei Neuralia) forma il primo nucleo della band. L’obiettivo è quello di rendere omaggio alla band di Jim Morrison riproponendo i brani della mitica formazione di Los Angeles in modo molto fedele. Già dalle primissime apparizioni la band è seguita da un pubblico trasversale e sempre molto numeroso, il che li spinge a perfezionare sempre di piu’ lo spettacolo, accompagnando le esibizioni con la proiezione di video e filmati dei Doors. Dopo decine di concerti, e l’alternarsi di diversi chitarristi, nel 2007 si aggiunge alla band Gianpaolo Impero (chitarrista dei Minerva), grande conoscitore del repertorio dei Doors, che riesce ad affinare ulteriormente le esibizioni della band. Nel 2013, la band si esibisce davanti ad oltre 1000 persone all’Eco Summer Festival presso il Lido Don Pablo. 11 Gennaio 2014 la band festeggia i 13 anni di attività al Moses Club di Napoli, registrando il sold out con oltre 500 persone. Nel Luglio 2014 band si esibisce davanti ad oltre 2000 persone al Moses Rock Fest di Napoli.
Programma
ore_ 22.00 Apertura Dj set ERA Selection
ore_ 23.30 Inizio Concerto THE Doors Napoli
A seguire Dj set: Gianni Rallo & Era Selection
Ingresso 5 €
info_prenotazioni
329 495 90 57
MOSES club
Via V. Petagna 15 c/o Via Foria, Napoli
Band
Junior Graziano: Voce, (ex Neuralia)
Antonio Tedeschi: Keybords
Gianpaolo Impero: Chitarra
Carlo M. Graziano: Batteria (Gnut e Gino Fastidio).
Fb: Doors Napoli
http://www.facebook.com/doors.napoli

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *