Ubaldo Di Leva presenta al Plauto Teatro Studio il suo primo disco di inediti.

Una serata di musica e parole, quella di venerdì al Plauto Teatro Studio di San Nicola la Strada, dove Ubaldo Di Leva ha presentato il suo album “A me piaci così” davanti a un pubblico ‘caldo’ e attento. Un vero e proprio showcase, durante il quale il giovane artista sannicolese ha dato un assaggio, accompagnato da 5 elementi, della sua opera prima di inediti. Di Leva ha inoltre raccontato, intervistato dalla giornalista Maria Bertone in un salottino appositamente allestito sul palco, come è arrivato alla serata-evento di venerdì: la sua storia musicale, i suoi ricordi di bambino, i primi approcci al mondo della musica, le sue aspettative per il futuro. “Non so domani cosa succederà – ha detto – So quello che sta accadendo stasera, ed è meraviglioso. Suonare le mie canzoni, scritte ed arrangiate da me, nella mia città, davanti al mio pubblico, in un teatro dalla tecnologia sonora Bose che non ha eguali in Europa per me è un sogno che si avvera. Un punto di partenza, certo, dal quale spero si dispieghino strade luminose”. Classe 94, Ubaldo Di Leva nasce a Caserta e fin da piccolo ha sempre avuto la passione per le nuove tecnologie infatti inizialmente si è sempre occupato di informatica, pur coltivando sempre la passione per musica e spettacolo. Già autore di due dischi cover, ‘Metà di me’ e ‘Metà di me parte II”, ha lanciato il 4 settembre 2014 il singolo ‘Ma perchè’ che fa da apripista al nuovo disco di inediti. Tanto amore, nei testi di Ubaldo, da quello romantico d’altri tempi, nei quali affonda anche la sua formazione musicale, a quello 2.0, vissuto ai tempi dei social network , ma non solo: largo spazio all’amicizia, alle esperienze di vita, ai sogni. Con un omaggio alla canzone napoletana, “dalla quale è impossibile prescindere”, ha spiegato Di Leva. “A me piaci così”, dieci brani inediti più due bonus track, è disponibile nei migliori digital store e in copia fisica su www.ubaldodileva.com.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *