Una rete nazionale di apprendimento e socialità. Ripartire con la cultura come fattore di coesione sociale e cittadinanza democratica.

La rete delle Piazze del Sapere – in collaborazione con Aislo – organizza nel 2014-2015 un ricco ed intenso programma di attività, che per lo più possono svolgere nella sala della Feltrinelli e di altri centri culturali ( Biblioteche Civiche, Centri-Poli Culturali), con l’obiettivo primario di diffondere e promuovere la cultura come fattore di coesione sociale, di cittadinanza attiva e consapevole.
I principali filoni di attività possono essere organizzati con le seguenti modalità:
Incontri brevi con la presenza degli autori, per presentare libri e progetti culturali, svolti con continuità lungo tutto l’arco dell’anno (alcuni con autori e scrittori prestigiosi, altri con giovani autori locali, a volte esordienti nei generi: tra letteratura e poesia, tra saggistica e varie).
Incontri di tipo seminariale su storia e memoria, su legalità e stato sociale, su beni culturali ed ambientali, su tematiche di genere e di integrazione), che spesso hanno fatto registrare una grande ed attenta partecipazione.
Nella fase di sperimentazione avviata in Terra di Lavoro e a Barletta in Puglia, nei primi 3 anni di attività sono stati realizzati oltre 350 tra incontri, eventi e seminari. Di particolare rilievo sono stati due progetti fondati su percorsi tematici:
il primo dedicato ai grandi maestri dell’apprendimento permanente, progettato dal compianto Bruno Schettini, in collaborazione con il CAP SUN, con gli interventi e contributi dei maggiori esperti e studiosi di EDA e di pedagogia sociale. Questo materiale è in buona parte confluito nel volume Ediesse “Educare alla cittadinanza democratica”.
Il secondo “Letture di gusto. Libri, cibo e territorio” si è articolato con tanti eventi dedicati ai temi del benessere e della qualità della vita per uno sviluppo ecosostenibile. In questo ambito si è avuto l’originale gemellaggio tra i Comuni di Greve in Chianti (Toscana) con quelli di Parete e Roccamonfina. Il successo di queste iniziative si è realizzato grazie alla collaborazione con la rete delle associazioni delle piazze del sapere e di alcune importanti associazioni (come l’Auser, Legambiente, Slow Food, Gas Caserta, gli Amici del Libro), degli enti e delle istituzioni più impegnate nel campo della cultura (a partire da alcuni comuni.
Molto significativo è stato il contributo offerto dalle scuole e da alcune associazioni giovanili (come il Collettivo Latrones, Itinerari Paralleli, Patatrac, Vento del Sud).
Per definire la programmazione della rete nazionale punteremo su alcuni filoni di intervento e su aree tematiche così definite:
Letture di gusto. Libri, cibo e territorio
In collaborazione con la rete dei GAS
Educazione alla cittadinanza democratica
Sussidiarietà e beni comuni, per coesione sociale e apprendimento permanente – In collaborazione con Fondazione con il Sud, CSV e FTS
Cultura della legalità
Uso sociale e produttivo dei beni confiscati – con Libera, Arci, Agrorinasce
Economia civile
Cooperazione, Etica del lavoro e dell’impresa – con Banca Etica
Sviluppo ecosostenibile
Sviluppo locale e innovazione
Valorizzazione e tutela ambiente, paesaggio e beni culturali
In collaborazione con Italia Nostra, Legambiente, Slow Food
Terra di libri – scrittori famosi ed emergenti
Memoria e identità – in collaborazione con Auser
Arte, cinema, libri e teatro – in collaborazione con Duel Lab

Inoltre, va segnalato l’apporto sul piano della comunicazione del sito – www.lepiazzedelsapere.it – molto attrattivo e ben documentato, realizzato da giovani esperti di Internet e di grafica, che si sono appassionati al nostro progetto. Infine, è stato decisivo lo spirito di collaborazione e di accoglienza del direttore e di tutto lo staff de La Feltrinelli, sempre di alto profilo e disponibilità.
Questa esperienza ci dice che si può ripartire con la cultura per avviare nuove condizioni di riscatto civico e di coesione sociale (anche in territori difficili come quelli tristemente noti come Gomorra), come dimostrano i progetti finanziati dalla Fondazione con il Sud per la lotta alla dispersione scolastica e per la costruzione di una rete di economia sociale (La RES).
Per rafforzare le competenze impegnate nelle varie attività e dare un carattere di maggiore collegialità agli eventi della rete, viene insediato un Comitato Scientifico così composto:
Antonella Agnoli Presidente Onorario
Pasquale Iorio Coordinatore/Comunicazione
Daniela Borrelli Caserta e Provincia
Lorenzo Chieffi SUN, Bioetica
Carlo De Michele Legalità e diritti/Costituzione
Fausto Greco Docente/giovane
Stefano Mollica Presidente Aislo
GMaria Piccinelli SUN
Cristina Rizzelli Area Gallarate + Banca del Tempo
Caterina Farao Pavia
Raffaella Salerno Barletta
Fernando Strafella Lecce-Nardò
Caserta, settembre 2014

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *