Verso il giubileo con la beata Maria Cristina di Savoia

 2

Mater pauperum: così papa Francesco in occasione della beatificazione definì la beata Maria Cristina di Savoia, proprio come secoli prima san Francesco d’Assisi fu definito Pater pauperum. Ecco una testimonianza coeva che evidenzia tale atteggiamento misericordioso della Regina.

«Sarà giudicato senza misericordia colui che non sia stato misericordioso». A tanta sublime e minacciosa avvertenza dell’Apostolo ebbe agio la virtuosa Regina di contrapporre nella grandezza del suo rango una illimitata e sovrabbondante beneficenza. Epperò aprì le mani al bisognoso, ma il fece senza vanità ed ostentazione, anzi con ricercata modestia, con ingegnosa riservatezza, mentre ormai il suo privato erario quasi più non sorreggeva il peso delle sue innumerevoli e svariate largizioni. […]

Ah! La carità della Regina seguiva ovunque gl’infelici, era sempre vigile per essi, e la sua compassione toglievali a proteggere! E già nei suoi compassionevoli proponimenti dava opera a fondazione di novelli Stabilimenti, onde tutelare le classi bisognose.

Da: Elogio di sua maestà Maria Cristina di Savoia regina del Regno delle Due Sicilie per l’avv. Tommaso Perifano, Napoli 1836.

Per un approfondimento cfr. P. Martinelli – P.M., Francesco e la misericordia, EDB, Bologna 2015, pp. 80, euro 6,50.

In allegato: Busto reliquiario della Beata Maria Cristina di Savoia donato al Museo Reliquiario (Lipsanoteca) di Ourem in Braganca – opera del leccese Stella CIARDO

 5

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *