Vitulazio – Vince il Concorso Nazionale di poesia “ Percorsi di Vita” la settantunenne Giuseppina Sparago di S. Maria Capua Vetere

Vitulazio, Vince il Concorso Nazionale di poesia, “ Percorsi di Vita”, la settantunenne Giuseppina Sparago, di S. Maria Capua Vetere

Vitulazio – Vince il Concorso Nazionale di poesia “ Percorsi di Vita” la settantunenne Giuseppina Sparago di S. Maria Capua Vetere. La cerimonia di premiazione, avvenuta presso il Centro Commerciale Il Decumano di Vitulazio, è stata effettuata direttamente dallo scrittore Ottavio Chiavaroli, autore del libro “L’uomo dei miracoli”, il quale ha valutato tutte le poesie provenienti da tutta Italia ed ha scelto le tre più belle che potete leggere qui di seguito. Tutte le poesie verranno, a breve, riportate in un libro raccolta curato dall’Associazione Rossella Caruso.

1° classificato GIUSEPPINA SPARAGO – 71 ANNI S. MARIA CAPUA VETERE.

“Nu tavulino, quatte segge, nu mazzo e carte

Sta jucata cu ll’amici tuje, é na droga,
é na catena ca t’ncatena a chistu tavulino.
Famme sentì ca me vuò ancora bbene,
a nosta, nun’é stata na nuvola e passaggio,
é stat’ammore, ver’ammore.
Dint’ o core tujo nun ce sta nata o saccio,
nun’é Maria e manco Sisinella,
a rivala mia, se chiamma briscola, se chiamma scopa,
o bbene tujo, é n’asso e coppe, nu tre denaro, nu sette e spada.
Guardele chi11’asso, putarria esser’io,
e guarde meglio chillu tre denaro,
so tre capuzzelle d’angiulil1e, so e figlie tuje,
o sette e spada, saranno chelli spade,
ca pognene ncoppe o cuscino e nu lietto sempe vacante,
ca cumpagnia d’o Crucifisso e tre criature.
Tu nun ce staje, nun ce staje maje,
n’astrigne a me dint’ a sti mane,
ma na ronna, na riggina, o rilorgio tujo se ferma sempe.
Aspetto guardanno stu Crucefisso a cap’o lietto
ce stò parlanne, cercanne aiuto,
Signore mio, ha jucato d’azzardo cu core mio
ancor’e cchiù cu core e chelli tre creature.
Dice ca me vuò bene, pure se a modo tujo,
me puorte nu regalo, ma tienatille,
famme invece na carezza, nu surriso, dimme na parola doce,
na cosa sola ià fa, portame na cesta chiena e bbene,
bbene sincero, tantu bbene pe me e nu tantillo e cchiù pe chilli tre angiulille.”
2° CLASSIFICATO Giardulli Gennaro 28 ANNI SAN MARCELLINO

” Mare dentro”

Oggi non posso parlarti.
Ho il mare negli occhi…
Il mio sguardo è allagato,
e la mia voce
sommersa negli abissi…
Le mie mani tremano di paura, mentre il cuore, galleggia in agonia.
L’ancora sommersa nell’angoscia.
Non posso parlarti ora in mezzo alla tempesta.
Aspetterò la quiete, mentre le mie mani, tese,
invocano il sole.”
3° classificato SOFIA VIVARELLI 23 ANNI PORRETTA TERME

“Speranza mai vissuta”

Aghi nascosti conficcati nelle vene,
sobborghi che lentamente consumano l’incertezza di una vita,
tra una stanza di motel e l’altra segni il destino,
vendi pezzi di carne come oggetti in un negozio di seconda mano,
“questa è l’ultima volta”.
Incontri la pillola della spensieratezza,
la bocca balla a ritmo alienante,
fissi volti che freneticamente si dissolvono,
attonito sul ciglio di una strada,
“questa è l’ultima volta”.
Lenzuola ingiallite da corpi malati,
una stagnola ancora da scartare,
l’autobus di sola andata,
la fermata al grammo di felicità,
“questa è l’ultima volta”.
Le mura si fanno strette,
il sudore erutta dai pori dilatati,
a ogni colpo il cuore esce,
l’intestino lentamente si lacera,
“questa è l’ultima volta”.
Solo come sei nato rimani,
raggomitolato in un angolo chiudi gli occhi,
stanco di tutto, è finita,
questa è l’ultima volta”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *