Ripartire con la cultura

 Dopo due giorni intensi di incontri e di confronto tra buone pratiche, Il 18 e 19 giugno a Taormina è nato IL MANIFESTO DEI PATTI PER LA LETTURA. In questo modo i sindaci, le regioni e varie istituzioni si sono incontrati per definire un modello unificato di Patto per la promozione e il sostegno del libro e della lettura. Nel manifesto si sostiene con forza: “I Patti per la lettura riconoscono la lettura come un valore sociale fondamentale, da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta di soggetti pubblici e privati presenti sul territorio. Considerano i libri e la lettura risorse strategiche su cui investire con l’obiettivo di migliorare il benessere individuale e dell’intera comunità, favorendo la coesione sociale e stimolando lo sviluppo di pensiero critico della cittadinanza”. È uno dei punti della bozza del Manifesto che ribadisce il ruolo decisivo dei Patti per la lettura come strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura, riconosciuto dalla nuova legge 15/2020 del 13 febbraio 2020, che individua nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i diversi protagonisti presenti sul territorio. I Patti sono promossi dal Centro per il libro e la lettura nell’ambito del progetto Città che legge e possono avere sia natura “comunale” che “regionale”.

Dalla Campania ha partecipato solo il comune di Benevento, mentre erano assenti le altre città capoluogo, comprese quelle di Caserta, di Aversa e di S. Maria CV dove i patti sono stati già deliberati.

Alla luce della nuova normativa e degli indirizzi del Manifesto di Taormina si rende necessario in Campania rilanciare una iniziativa che parta dal basso per sollecitare una maggiore e più adeguata attenzione da parte degli enti locali e dell’ente Regione in primo luogo.

In tal senso va la nostra richiesta di incontro con la Presidenza e con i vari gruppi consiliari per avviare il percorso e le procedure volte alla definizione di un Patto Campano per la lettura, grazie anche alla partecipazione e condivisione delle associazioni del terzo settore, del mondo della scuola e dei saperi. Rinnoviamo l’invito già formalizzato con una nota sottoscritta da oltre 50 associazioni ed enti culturali delle varie province, su cui auspichiamo un riscontro.

Per dare forza e continuità a questo iniziativa le associazioni si uniscono in rete con la definizione di un coordinamento che sarà varato in un prossimo incontro anche on line.

Le Piazze del Sapere

Donne di Carta

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *