“65ª Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro”

Domani, domenica 11 ottobre 2015, a cura dell’ANMIL e con il patrocinio dell’INAIL

Siamo alla vigilia della seconda domenica di ottobre, una giornata straordinariamente particolare, di commemorazione e riflessione, tutta dedicata – secondo un’ultra sessantennale tradizione – a quanti hanno subito lesioni e/o malattie professionali invalidanti o mortali sui luoghi di lavoro nei quali sono stati chiamati ad operare, a fornire il contributo lavorativo richiesto. Di qui la locuzione “Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro” con “l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica” nonché la celebrazione, curata dall’ANMIL e patrocinata dall’INAIL, in contemporanea, nelle nostre 110 province. È la giornata del ricordo, la giornata speciale in cui si fa memoria di tutti i lavoratori di ogni singola provincia che hanno immolato la propria vita sull’altare di un progresso civile e illuminato, nell’intima, propedeutica consapevolezza di essere funzionali per un futuro migliore per i propri figli. Domani, 65^ giornata celebrativa, ancora una volta si parlerà di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro che restano ‘cahier de doléances’ (la fortuna non è un dispositivo di sicurezza, recita la locandina) e la prova è che il numero degli infortuni sul lavoro rilevati nel corso dell’anno 2014, pur in calo rispetto all’anno precedente, resta, in percentuale, comunque inferiore a quanto registrato negli anni 2013 e 2012’. E, per restare in tema di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, a Caserta ampia diffusione al volume (un gran bel lavoro, suddiviso in tre parti, per complessivi XVI capitoli e n.281 pagine) ‘LEGALITA’ E CULTURA PER LA SICUREZZA SUL LAVORO’ (Guida al d.lgs. n.81/2008. Profili di diritto del lavoro e di diritto amministrativo), edito da ‘Edizioni Saletta dell’Uva’, realizzato dalla SUN – Dipartimento di Giurisprudenza – e la Sede provinciale dell’INAIL (il lavoro, iniziato sotto la guida dell’avv. Alfonso Cangiano, è stato portato a termine dal dr. Valentino Attilio Difalco, attuale dirigente: due straordinari professionisti, dalle diverse culture ed esperienze professionali sempre espresse ai massimi livelli) ‘con l’obiettivo di sviluppare, sia attraverso un’articolata indagine scientifica sia con un confronto a più voci, una riflessione ed un bilancio a distanza di oltre un quinquennio dalla emanazione del d.lgs. n.81/2008’. Le celebrazioni di domani seguiranno un cliché consolidato negli anni: cerimonia religiosa e cerimonia civile con la partecipazione di personalità del mondo politico, sindacale, sociale, militare, religioso. A Roma, dopo la cerimonia religiosa presso la Basilica dei Santi Pietro e Paolo all’EUR, è previsto un incontro nell’Auditorium della Direzione Generale dell’INAIL con i Presidenti ANMIL e INAIL, parlamentari, sindacalisti, ecc.. Si discuterà di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, di una più equa e adeguata assistenza agli invalidi, di una revisione del Testo Unico Infortuni datato 30-6-1965. Nella nostra Regione, a Napoli, il presidente ANMIL, Raffaele Ievolella, ha programmato la cerimonia civile presso le Terme di Agnano (l’ introduzione ai lavori sarà curata dal Presidente Territoriale Anmil, Luigi Castiello, Consultore Nazionale per la Pastorale della Salute della CEI) che prevede anche la consegna dei brevetti e dei distintivi INAIL agli aventi diritto. Ad Avellino, il presidente ANMIL, Vincenzo Frusciante, ha così fissato la cerimonia: presso la Cattedrale, Messa in suffragio dei caduti sul lavoro celebrata da Don Vincenzo De Stefano, vicario generale della Diocesi di Avellino; deposizione di una corona di alloro al monumento alle vittime degli incidenti sul lavoro sito in Piazza d’Armi; cerimonia civile presso il Viva Hotel con la partecipazione di rappresentanti politici e delle istituzioni civili, sociali, militari, religiose; premiazione ai Grandi Invalidi e agli Invalidi minori; indi, pranzo sociale presso il ristorante “Il Boschetto” in Serino. A Benevento, il presidente ANMIL, Giuseppe Ricci, ha previsto la celebrazione della Santa Messa, officiata dal vicario del vescovo, Mons. Cristino Pompilio, in suffragio dei Caduti sul Lavoro, nella Basilica di S. Bartolomeo; indi, deposizione della corona d’alloro al Monumento ai Caduti e cerimonia ufficiale nel Teatro De Simone con discorso celebrativo e interventi delle autorità locali (presidente ANMIL Ricci, ing. Fausto Pepe, sindaco della Città, avv. Raffaele del Vecchio, v. sindaco e assessore alla cultura, dr. Francesco Zoino, presidente commissione politiche sociali del comune di Benevento, dr. Mariano De Luca, presidente FAND, dott.ssa Anna Villanova, responsabile sede INAIL di Benevento) e consegna dei brevetti e dei distintivi d’onore concessi dall’INAIL e delle borse di studio “Marino Lepore” concesse dall’ANMIL ai figli dei Soci. Infine, pranzo sociale presso il ristorante Padre Pio. A Salerno, la cerimonia, organizzata dal presidente ANMIL, Fiore Prosapio, prevede: la celebrazione della Santa Messa, in suffragio dei Caduti sul Lavoro nella Chiesa Santa Lucia, presieduta dall’arcivescovo Mons. Gerardo Pierro e concelebrata dal parroco, Don Luigi Piccolo; quindi, la deposizione di una corona di alloro alla lapide dedicata ai Caduti sul Lavoro e cerimonia ufficiale presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno con discorsi celebrativi (è prevista la partecipazione di vari Sindaci dei Paesi limitrofi e consegna di brevetti e distintivi d’onore da parte dell’INAIL agli invalidi e delle borse di studio ai figli/e degli invalidi del lavoro). A Caserta, nella ricorrenza della “65a Giornata per le vittime degli incidenti sul Lavoro”, il programma messo a punto dal presidente ANMIL,Aldo di Biase, validamente collaborato dal direttore, Gabriele Vincenti, e dalla funzionaria Rosa Piccirillo, prevede: Santa Messa in suffragio delle vittime del lavoro presso la Chiesa di Lourdes, presieduta dal vescovo, Mons. Giovanni D’Alise, e concelebrata dal parroco, don Pierino Pepe; cerimonia civile presso Teatro Izzo. Qui, dopo l’introduzione di Aldo di Biase, ci saranno gli interventi della dr.ssa Maria Grazia Nicolò, Commissario Straordinario del Comune di Caserta, del dr. Elpidio Russo, Sindaco di Casagiove, dell’ing. Angelo Di Costanzo, Presidente dell’Amministrazione Provinciale, del cav. Saverio Cantile, Consigliere Nazionale ANMIL, della sig.ra Margherita Riccitelli, Coordinatrice territoriale Cittadinanza Attiva Matese, della dr.ssa Daniela Mingione, Responsabile prevenzione della sede INAIL di Caserta, del dr. Franco De Luca, Medico legale Patronato ANMIL di Caserta, dell’on. dr. Alfonso Piscitelli, Consigliere Regione Campania, della dr.ssa Antonella Guida, Direttrice ASL NA1, dell’on. dr. Gianni Piccirillo, Socio onorario ANMIL, del dr. Valentino Attilio Difalco, Direttore INAIL di Caserta, del dr. Francesco Burlin, Primario Medico-legale INAIL di Caserta, dell’on. sen. dr. Vincenzo D’Anna, Componente XII Commissione permanente Igiene e Sanità, Vice Pres. XII Commissione permanente Politiche dell’U. E.. A seguire, consegna dei brevetti e dei distintivi d’onore a n.4 grandi invalidi e n.9 mutilati, concessi dalla sede I.N.A.I.L. della Provincia di Caserta e preparati dall’assistente sociale, dott.ssa Dalila Riccobono, giovane professionista dal ricco curriculum, al debutto in questa giornata celebrativa delle vittime degli incidenti sul Lavoro. La deposizione di una corona di alloro ai piedi del monumento ai caduti sul lavoro ed il pranzo sociale concluderanno la giornata.

Paolo Pozzuoli

 

6

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *