A Castellammare di Stabia grande successo per il progetto Educazione Digitale

Castellammare di Stabia – Nella meravigliosa cornice di Palazzo Farnese, ieri si è concluso con un enorme successo e gradimento massimo il progetto Educazione Digitale. 

Il progetto vincitore del bando della Regione Campania, ha visto il comune di Castellammare e l’Associazione Mai più violenza infinita Onlus partner sul territorio stabiese.

3 le scuole scelte per il progetto pilota: Panzini, Vitruvio e Di Capua. Da febbraio 2021 a maggio, 300 allievi, 150 genitori e 50 insegnanti hanno seguito un corso online su bullismo e cyberbullismo. La squadra di 8 esperti capitanata dalla dott.ssa Virginia Ciaravolo ha introdotto tutti i partecipanti nei meandri dei pericoli della Rete. La squadra si è avvalsa inoltre di un digital forensic che ha accompagnato tutti i genitori nella conoscenza dei pericoli. Due le testimonianze: David Fabbri e Stefania Doronzo che hanno catturato L’attenzione di tutti i presenti. Alcune ore del corso hanno visto la presenza della madre della legge 71, la già’ senatrice Elena Ferrara che ha raccontato ai ragazzi il lavoro svolto e l’importanza della legge 71. L’ intero corso si è avvalso della collaborazione e sinergia delle Forze dell’Ordine, l’ispettrice Rita Villani della Polizia di Stato ha guadagnato l’attenzione dei corsisti erudendoli su rischi e pericoli. Al termine del corso durato 20 ore, attraverso un sistema informatico, i ragazzi hanno compilato un questionario di verifica delle competenze acquisite ed hanno ricevuto dalle mani del primo cittadino ing. Gaetano Cimmino e dalla assessora Sabrina di Gennaro il Patentino per l’uso consapevole di smartphone e derivati.  Il corso inoltre ha ricevuto lettera di apprezzamento per la qualità del progetto dal Ministro dell’istruzione Prof. Patrizio Bianchi. A giugno il lavoro verrà’ completato con la stesura di un manuale delle lezioni svolte e con la consegna attestati ai genitori ed insegnanti.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *