A Santa Maria a Vico Pasqua Solidale con Pina Pascarella presidente di “Donare è….amore”.

Santa Maria a Vico  – L’Associazione ‘Donare è…amore’ presieduta da Pina Pascarella, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Santa Maria a Vico con in capo il Sindaco Andrea Pirozzi, ha messo in campo un’iniziativa benefica, in questo momento di grande emergenza epidemiologica, per dimostrare vicinanza e sostegno alle famiglie costrette ad isolamento forzato a causa del Covid-19 con il dono simbolico di colombe pasquali.

Questa sarà la seconda Pasqua che vivremo con la pandemia ancora in corso e, mai come ora, è necessario che istituzioni e associazioni uniscano le forze per far sentire la propria vicinanza a un popolo stremato dalle difficoltà, dilaniato dalla crisi economica e distrutto psicologicamente.

“È un piacere constatare che le Associazioni del territorio, in particolare l’associazione ‘Donare è…amore’ facciano sempre la loro parte. Far sentire la vicinanza ai nostri concittadini in un momento delicato come questo è una priorità assoluta. Possa questo piccolo gesto riscaldare i loro cuori e dare la parvenza di una Pasqua serena, nonostante l’isolamento domiciliare” dichiara il primo cittadino Andrea Pirozzi.

La presidente dell’associazione ‘Donare è…amore’, Pina Pascarella aggiunge: “Anche e soprattutto in questo momento di pandemia abbiamo ritenuto giusto esprimere la nostra vicinanza, attraverso il sostegno al comune, a favore delle famiglie colpite dal COVID-19.

Abbiamo scelto come simbolo pasquale la colomba, dolce che tradizionalmente in questo periodo, imbandisce, le nostre tavole ed è emblema della pace e della serenità.

Queste famiglie, più di tutte, meritano di vivere un momento gioioso che per pochi istanti possa distrarli dalle loro sofferenze”.

Un ringraziamento speciale alla protezione civile, sempre in prima linea, che provvederà a donare materialmente le colombe e l’augurio di una Pasqua serena e ricca di pace e salute.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *