A scuola di privacy anche famiglie e studenti al Liceo Artistico San Leucio

Didattica a distanza e privacy, al Liceo Artistico “San Leucio” la formazione è anche per famiglie e allievi. Dopo il corso a cui hanno dovuto partecipare docenti e personale tecnico – ausiliario, la dirigente scolastica Immacolata Nespoli ha voluto promuovere un corso che dia anche a chi è dall’altra parte dello schermo quelle informazioni necessarie per comprendere non solo la normativa ma il valore della privacy e come sia facile inciampare in errori che possono diventare reati. «Con la sospensione delle attività didattiche in tutte le scuole a seguito dell’emergenza Coronavirus – spiega la preside -, la didattica a distanza è una risorsa fondamentale per mantenere una relazione tra studenti e docenti, utile non solo per l’insegnamento. Come previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo, le istituzioni scolastiche attivano, con il più ampio intervento di tutta la comunità educante, percorsi di didattica a distanza per tutto il periodo di sospensione delle attività scolastiche, con particolare attenzione alle esigenze degli studenti con disabilità». Il Liceo Artistico “San Leucio” di Caserta ha adottato le piattaforme indicate sul sito del Ministero dell’Istruzione, che offrono soluzioni di chat, videoconferenza e che consentono di creare classi virtuali, distribuire compiti e verifiche, dare e ricevere commenti, incoraggiando un atteggiamento positivo, di vicinanza con gli studenti e fornendo risposte personalizzate ai bisogni di apprendimento. «Al fine di garantire la massima consapevolezza nell’utilizzo di strumenti tecnologici – conclude Nespoli -, delle cui implicazioni non tutte le studentesse e gli studenti (soprattutto se minorenni) hanno piena cognizione, abbiamo promosso un’iniziativa di sensibilizzazione rivolta a famiglie e ragazze/i, che si terrà il 2 maggio e sarà curata da Sara del Grosso, responsabile della protezione dei dati del nostro Liceo».

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *