A/V SALERNO-REGGIO C.: IL SOTTOSEGRETARIO FERRANTE IN VISITA ALLE AREE DI CANTIERE DEL LOTTO 1A

“Questa mattina, accompagnato dal Direttore Investimenti di RFI Ing. Lucio Menta e dal Responsabile Investimenti Sicilia e Calabria RFI Ing.Marco Marchese, mi sono recato in visita presso le aree di cantiere in prossimità dei comuni di Sicignano degli Alburni e Campagna, ove insistono i lavori di realizzazione del lotto 1a (Battipaglia-Romagnano) dell’Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria. La mia presenza sui due siti segue la recente consegna dei lavori che ha segnato il concreto avvio della realizzazione di quest’opera strategica per la Campania, il Mezzogiorno e per il Paese tutto. Un’opera che seguo in prima persona anche in virtù della delega al coordinamento tecnico-funzionale delle opere commissariate di cui sono titolare al MIT, che vede peraltro questa parte del primo lotto finanziata con fondi PNRR per 1.9 miliardi di euro. Rispetto a tale lotto, sto coordinando i lavori del tavolo tecnico, da me incardinato al MIT, finalizzato a predisporre un Piano di Rigenerazione e Riqualificazione Urbana organico e rispondente alle reali necessità delle comunità interferite dall’attraversamento dell’opera; tavolo, questo, che prossimamente si riunirà per esaminare il quadro complessivo delle risultanze emerse ad esito degli incontri che, su mia richiesta, RFI ha condotto con ciascuna delle Amministrazioni interferite e con i cittadini interessati dalle procedure espropriative. Restano massimi l’impegno e l’attenzione del Governo a dotare il Mezzogiorno delle infrastrutture necessarie a consentirgli di correre alla stessa velocità del resto del Paese, e la mia presenza qui oggi intende testimoniarlo”. Così in una nota Tullio Ferrante, deputato di Forza Italia e Sottosegretario al MIT.

— ​​​​Ufficio Stampa Gruppo Forza Italia -Berlusconi Presidente

Camera dei deputati – Via degli Uffici del Vicario n. 21 – 00186 – Roma
stampa.forzaitalia@camera.it


0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *