Ad Officina Teatro “ L’Uomo nel Diluvio”. L’urgenza generazionale e sociale in uno One Emigrant Show

 Ad Officina teatro, in Via degli Antichi Platani a San Leucio di Caserta, sabato 21( ore 21.00) e Domenica 22 (ore 19.00) arriva uno spettacolo di confronto con lo spettatore su una attualissima urgenza della società, ovvero quella generazionale e sociale di un presente allargato. In un momento in cui la parola emigrazione è così tragica e reale, tra la forma monologo e altri codici (video, relazione con il pubblico) assistiamo in soggettiva ad un’impresa. Lo spettacolo inscena una storia individuale che diventa collettiva, per una necessità condivisa di speranze, di possibilità da realizzare. La sintesi di un linguaggio è la sintesi di due storie diverse, ovvero quelle dell’autore e dell’attore: Simone Amendola, autore e regista, con un percorso nel cinema documentario, capace di narrazioni partendo dalle vite reali, e Valerio Malorni, attore e danzatore, protagonista del Teatro delle Apparizioni, entrambi coinvolgono in un corpo a corpo col pubblico in ogni luogo, con grandi interazioni e partecipazioni.
A luglio 2013 L’uomo nel diluvio, prodotto da Bluedesk, con il sostegno di Carrozzerie n.o.t ed il patrocinio di Roma Capitale, ha esordito al Festival di Santarcangelo, tra i 10 finalisti del Premio Scenario (selezionati su circa 200 spettacoli). A gennaio e febbraio 2014, è stato presentato a Napoli e a Roma presso gli spazi Interno 5 e Carrozzerie n.o.t. L’11 aprile, invitato dalla direzione artistica de La Piccionaia di Vicenza, lo studio finale dello spettacolo è stato presentato a Mirano presso il Teatro di Villa Belvedere. Il 30 maggio, a Firenze, L’uomo nel diluvio ha vinto (su 320 spettacoli) il Premio di distribuzione nazionale In-Box 2014, per il sostegno alla circuitazione del nuovo teatro.
Ad Officina Teatro una delle due tappe campane del 2015, all’interno del vasto tour in tutta Italia .
Info prenotazioni : 0823.363066 info@officinateatro.com

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *