Alt! L’aperitivo a Teatro

Il Teatro Bellini in collaborazione con Village Blues
presenta il suo nuovo format

ALT! L’APERITIVO A TEATRO

Ogni mercoledì a partire dalle 20:00 nel foyer del teatro Bellini avrà luogo un aperitivo musicale, ad ingresso gratuito.
Un’offerta musicale originale e innovativa da ascoltare sorseggiando un drink in una location accogliente e fuori dall’ordinario.

Il primo appuntamento è per mercoledì 7 gennaio con Culture Beat Jazz Meeting, il progetto, ideato e diretto da Giulio Martino che, per il secondo anno consecutivo, propone delle jam session tematiche. Gli artisti si incontrano il martedì sera per le prove in studio presso Beatbox pro lab sound di Alessandro Aspide che promuove il progetto e fa da struttura organizzativa, per offrire al pubblico la sera successiva “chicca”, un piccolo fenomeno da osservare come segno di un lavoro serio e scrupoloso che nasce per comunicare e condividere con il pubblico una passione profonda.

Culture Beat Jazz Meeting è ormai un vero e proprio laboratorio che alimenta la cultura jazz di Napoli e ne anima la scena musicale, offrendo una concreta occasione di incontro tra gli artisti e tra artisti e un pubblico attento, colto e curioso.

Il tema della serata del 7 gennaio:

WE WANT MILES (DAVIS)
Vivremo, quindi, una jam session dedicata a un mito del jazz, protagonista e
creatore di innumerevoli universi musicali.

Se sei un musicista e vuoi partecipare alla jam session, iscriviti al gruppo Culture Beat Jazz Meeting alla pagina:

https://www.facebook.com/groups/551147848297145/?notif_t=group_added_to_group

Per assistere, vieni alle 20:00 presso il foyer del Teatro Bellini, in via Conte di Ruvo 14. L’ingresso è gratuito.

Si ringrazia lo sponsor tecnico della serata ditta Miletti Strumenti Musicali.

 

Katia Prota
Ufficio Stampa & Comunicazione

TEATRO BELLINI
Teatro Stabile di Napoli
Via Conte di Ruvo, 14 – 80135 Napoli
Tel. 081.5491266
E-mail ufficiostampa@teatrobellini.it

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *