APPLAUDITA PERFOMANCE DEL MAESTRO LELLO TRAISCI DURANTE LA PRESENTAZIONE DELL’ULTIMO LIBRO DEL SINDACALISTA PASQUALE IORIO

di Daniele Palazzo

CASTELVOLTURNO: Nell’ambito della manifestazione di presentazione del nuovo libro del noto sindacalista della CGIL Campania, Pasquale Iorio(per gentile concessione del Parroco di Castelvolturno, Don Gianni Carlino, si è tenuta nelle belle e raccolte fattezze  della locale chiesetta della Civita), che, colpita duramente dal terrore da Covid 19, ingeneratosi un po’ in tutto il  mondo, ha visto la presenza di un pubblico discreto, ma di certo inferiore alle attese, si è svolta l’annunciata esibizione, di canti e musica popolare, del Maestro Lello Traisci. Questi, accompagnato egregiamente dai bravi e richiesti strumentisti dalla sua “Paranza ’Mpruvvisata”, ha dato corso ad una molto gradita selezione di brani che, di sua fattura, affondano le loro radici nelle tradizioni, più schiette e genuine, della Castelvolturno che, nonostante le spinte, beceramente nichiliste, di una modernità, assolutamente vuota in fatto di spirito e cultura dei valori e del sapere di un tempo, non intende dimenticare il suo grande passato. E, così, tra applausi e consensi crescenti, Trasci e i suoi hanno portato, all’attenzione generale, alcuni dei pezzi migliori del loro vasto repertorio. Tra questi, vanno ricordati, senz’altro, il bellissimo canto dedicato alle “Matres Matutae”, nonchè quelli ititolati “Tammurriata d’o Volturno” e ”Tammurriata a San Castrese”, la quale ultima in omaggio al Santo Patrono dell’operosa comunità castellana. Per la cronaca, “Diritti e lotte sociali nel XX° Secolo-Storie e Protagonisti in Terra di Lavoro”(questo il titolo della nuova fatica letteraria, firmata da Pasquale Iorio)  stata presentata, con apprezzati interventi degli Scrittori Alfonso Caprio e Paola Broccoli e della Psicologa Giovanna Traetto, alla quale è toccato anche il compito di moderare i vari momenti di quella che, a valutarne i contenuti, si è presentata come uno degli eventi clou delle cronache castellane degli ultimi tempi.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *